Sei in: Home » Articoli

TAR LOMBARDIA n. 2307/14 - Relazione sentimentale e concorso: quando c'è stato del tenero tra un commissario e una candidata (di Ciro Centore)

TAR - Relazione sentimentale e concorso: quando c'è del tenero tra un commissario e una candidata (di Ciro Centore)
Libri e martello

di Paolo M. Storani - Che accade se tra un commissario e la candidata vi è stata una relazione sentimentale? Ce lo spiega il Prof. Ciro Centore muovendo da una pronuncia del Tar Lombardia.

Buona lettura!


Il TAR della Lombardia, con la sentenza 2307/2014, ha fissato un principio sacrosanto. Quello secondo cui una qualsiasi Commissione d'esame, per l'assunzione di personale, non può essere composta “anche“ da chi, come Commissario, abbia avuto una relazione affettiva con una candidata.

E anche laddove detta relazione si sia “da tempo“ esaurita, il componente della Commissione deve “restare“ fuori dalle valutazioni e dai giudizi che la Commissione va ad esprimere, per il rispetto e la osservanza che si deve al principio diimparzialità” richiamato dall'art. 97 della Carta Costituzionale.

Nel caso di specie l'Università di Milano aveva indetto una procedura per la copertura di 49 ricercatori e ricercatrici, in un particolare settore, e della Commissione scientifica e valutativa faceva parte un noto “Prof” universitario che aveva avuto un rapporto sentimentale, anni prima, con una aspirante ricercatrice.

La “legittima suspicione“ ha avuto la meglio in questa vicenda.

E aveva consigliato la revoca della designazione di questo docente, revoca contestata innanzi alla prima sezione del TAR meneghino ma riconosciuta più che opportuna e legittima dal Magistrato amministrativo.

“La moglie di Cesare deve essere e ritrovarsi sempre al di sopra di ogni sospetto“.

Questo, in sintesi, il verdetto.

L'immagine di indipendenza e di “terzietà” va osservata in ogni circostanza.

E non si tratta di un principio formale ma sostanziale.

Anche e particolarmente per le procedure comparative e concorsuali.

Autore: Prof. avv.Ciro Centore


Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(14/04/2015 - Law In Action - di P. Storani)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF