Riforma del terzo settore: primo sì al ddl. Momento storico o occasione mancata? In allegato il testo

di Marina Crisafi - Primo sì della Camera alla riforma del terzo settore. Il ddl delega ora passa all'esame del Senato
gruppo di lavoro id9882

di Marina Crisafi - Istituzione del servizio civile universale, riforma delle attività di volontariato, mutuo soccorso e promozione sociale, riordino della disciplina delle fondazioni e del cinque per mille. E ancora, nascita di un registro unico e modifica delle attività di vigilanza, monitoraggio e controllo. Sono questi i punti principali della riforma del terzo settore approvata ieri in prima lettura alla Camera, insieme al reato di tortura (leggi: “Reato di tortura: dopo il sì della Camera, il rush finale al Senato”), con 297 voti favorevoli (121 contrari e 50 astenuti).

Salutata come una “tappa storica”, “l'alba di una riforma culturale” e difesa dal ministro Poletti come un “passaggio importante per un provvedimento che punta a dare certezza di regole e di risorse”, soprattutto sul fronte del servizio civile, affiancandosi alle scelte compiute con la legge di Stabilità 2015 e agli stanziamenti di oltre 115 milioni di euro che permetteranno di avviare circa 50mila giovani, la riforma continua a dividere e non si placano le polemiche, da parte dello stesso mondo delle associazioni che la considera un'”occasione mancata”.

Rincarano la dose, invece, Sel e M5S che hanno votato contro vedendovi un'apertura alla privatizzazione, un vero e proprio asservimento del terzo settore alle logiche di mercato.

Il ddl delega ora passa al Senato e nel cammino ancora lungo per l'approvazione definitiva, date le premesse, non mancheranno le sorprese.


Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Seguici anche su Facebook e iscriviti alla newsletter


Vai al testo della riforma del terzo settore
(10/04/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
» Avvocati: albi online senza segreti
» Condominio: multe fino a 2.500 euro per chi non adegua i termosifoni
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Tribunale degli Animali: gli avvocati a difesa dei "pelosi" dopo il divorzio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF