Sei in: Home » Articoli

Liti tributarie in aumento: in allegato il rapporto del Mef

Pubblicato il rapporto del Ministero dell'Economia e delle Finanze sulle liti tributarie
burocrazia scrivania mobbing stress

di Marina Crisafi - Ammontano a quasi 69mila le “liti tributarie” nell'ultimo trimestre dello scorso anno, con un incremento del 18,6%.

Ad affermarlo è il Ministero dell'Economia e delle Finanze nel rapporto sul contenzioso tributario pubblicato in questi giorni.

Un aumento complessivo che è dovuto, secondo il Mef, alle cause promosse contro Equitalia (per le quali si registra un aumento tendenziale di quasi il 61%), seguite da quelle nei confronti dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (con un incremento di oltre il 25%).

Nel dettaglio, il trend è così distribuito: presso le Commissioni Tributarie Provinciali, i ricorsi di primo grado presentati nel terzo trimestre 2014 ammontano a 51.392 (con un calo del 18% circa), mentre quelli definiti sono pari a 71.921, con un incremento (+0,7%) rispetto allo stesso periodo del 2013; presso le Commissioni Tributarie Regionali (CTR), invece, gli appelli pervenuti da ottobre a dicembre 2014 ammontano a 17.442, con un aumento pari al 19,4%, mentre quelli definiti (circa 15.400) hanno fatto registrare un calo del 5,8%.

Tuttavia, l'andamento negativo del terzo trimestre, stando all'analisi del Mef, è in controtendenza rispetto ai valori complessivi del 2014 che mostrano, invece, un calo sostanziale, rispetto al 2013, in entrambi i gradi di giudizio (-5,8% per un valore assoluto di 242.044 cause).

Scarica il rapporto del MEF
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(02/04/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Telecamere negli ospizi: approvata la prima legge regionale
» Avvocati: abolire i contributi obbligatori alla Cassa
» Biotestamento: arriva il diritto alla sedazione profonda?
» Reato per il praticante che si spaccia per avvocato
» Basta la diffida per interrompere l'usucapione?
In evidenza oggi.
Debiti sospesi fino a un anno per chi è in difficoltà
Lavoro: la pausa caffè non è reato
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF