Diffida ad adempiere ex art. 1454 c.c.: prova presuntiva della consegna

   
diventa fan
La seconda Sezione Civile della Corte di Cassazione, con sentenza n.4310/2002 ha chiarito che la diffida ad adempiere di cui all'art. 1454 c.c. non richiede forme particolari e può essere fatta pertanto nel modo più idoneo al raggiungimento dello scopo.
Secondo la Corte è quindi sufficiente, per la sua operatività, che essa venga a conoscenza del destinatario.
Nella fattispecie la Corte ha ritento mezzo idoneo per diffidare e costituire in mora un contraente inadempiente l'invio di una raccomandata con avviso di ricevimento spedita alla residenza anagrafica del destinatario indicata anche nel contratto preliminare.

Nella stessa sentenza si precisa che la presunzione di conoscenza di un atto recettizio in forma scritta opera per il solo fatto oggettivo dell'arrivo di questo all'indirizzo del destinatario non essendo necessario che il mittente ne provi la ricezione da parte del medesimo o di persona autorizzata a riceverlo ai sensi dell'art.37 del regolamento di esecuzione del codice postale.
Considerato che la prova della consegna può essere data anche mediante elementi presuntivi resta a carico del destinatario la prova di non averne avuto tempestiva notizia senza sua colpa.
(09/05/2002 - Roberto Cataldi) Lascia un commentoUltimi commentiCita nel tuo sitoSalva in PDF
   
diventa fan

Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve la password.
blog comments powered by Disqus
Rubrica Diritti e Parole di Paolo Storani   Diritti e Parole
   Paolo Storani
   Calcolo Nota Spese
   Parametri Forensi
   Danno Biologico
   Il calcolo online
   Toolbar Giuridica
   Notizie e risorse