Credito d'imposta per gli esercizi ricettivi: in arrivo l'e-bonus

Un bonus fiscale destinato agli esercizi ricettivi che abbiano sostenuto spese per i servizi web
euro_fisco id11001
È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 23 marzo 2015 il Decreto che fissa le linee guida per fruire del bonus fiscale destinato agli esercizi ricettivi che abbiano sostenuto spese per i servizi web.

Destinatari del cosiddetto e-bonus sono le agenzie di viaggio, i tour operator, le strutture alberghiere con almeno sette camere ed extra-alberghiere quali affittacamere, ostelli e case vacanze, nonché le strutture che offrono servizi extra-ricettivi o ancillari riunite in consorzi o reti di impresa.

Al fine di accedere al beneficio, gli interessati devono inviare un'apposita istanza telematica al Ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo dal 1° gennaio al 28 febbraio. Limitatamente all'esercizio fiscale 2014, la domanda andrà presentata entro 60 giorni dalla definizione della procedura telematica di accesso.

Il beneficio si sostanzia nel riconoscimento -per ognuno degli anni fra il 2014 e il 2016- di un credito d'imposta del 30% dei costi sostenuti per servizi web e, comunque, in misura non superiore a 12.500 euro nei tre periodi, da utilizzarsi in compensazione in tre rate annuali di importo costante.
Le spese non possono superare il limite di 41.666 euro per ciascun beneficiario e un'apposita certificazione da parte del presidente del collegio sindacale del beneficiario o di un revisore legale, di un dottore commercialista/esperto contabile, di un perito commerciale o consulente del lavoro o del responsabile di un Caf deve attestarne l'effettività. Tali spese devono essere relative a:

  • impianti wi-fi, purché siano messi a disposizione gratuita dei clienti e abbiano una velocità di connessione minima pari a un megabit/s;

  • siti web ottimizzati per il sistema mobile;

  • programmi per la vendita diretta di servizi e pernottamenti e la distribuzione sui canali digitali, purché in grado di garantire gli standard di interoperabilità necessari all'integrazione con siti e portali di promozione pubblici e privati e di favorire l'integrazione fra servizi ricettivi ed extra-ricettivi;

  • spazi e pubblicità per la promozione e commercializzazione di servizi e pernottamenti turistici sui siti e piattaforme informatiche specializzate, anche gestite da tour operator e agenzie di viaggio;

  • servizi di consulenza per la comunicazione e il marketing digitale;

  • strumenti per la promozione digitale di proposte e offerte innovative in tema di inclusione e di ospitalità per persone con disabilità;

  • servizi relativi alla formazione del titolare o del personale dipendente ai fini di quanto sopra previsto.

(30/03/2015 - Giovanna Molteni)
Le più lette:
» Il 'bon ton' degli avvocati
» Mille cancellieri: il 21 novembre arriva il bando
» Guide di diritto penale
» Divorzio: nuovo compagno? Addio per sempre all'assegno di mantenimento!
» Pensioni: trovato l'accordo. Cosa cambia da gennaio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF