Reddito di cittadinanza e reddito minimo garantito rilanciati dai pentastellati: potrebbe essere la svolta?

il Movimento 5 Stelle è tornato in questi giorni a proporre l'istituzione del reddito di cittadinanza
Uomo che mostra le tasche vuote

Annunciato dal lancio dell'hashtag #Redditodicittadinanza, il Movimento 5 Stelle è tornato in questi giorni a proporre l'istituzione del reddito di cittadinanza – uno dei capisaldi della campagna elettorale del 2012-2013 del nuovo soggetto politico – o, in subordine, l'introduzione di un reddito minimo garantito. 

Quantitativamente superiore e con platea più ampia il primo, meno sostanzioso e meno generalizzato il secondo, a parere dei Grillini, si tratterebbe in entrambi i casi di misure efficaci e sempre più necessarie nel nostro Paese per uscire dallo stallo dei consumi e per riconsegnare fiducia e ottimismo – e una vita dignitosa! – a qualcosa come 10 milioni di Italiani che si trovano attualmente a sopravvivere sotto della soglia di povertà.

Oltre a questo dato allarmante, i sondaggi ci parlano anche: di un 47% di popolazione che teme di restare senza lavoro di qui a breve; del 73% di italiani delusi dall'operato del governo Renzi; e del 52% delle famiglie che riesce a malapena a far fronte alle spese. Una situazione per giunta aggravata dall'entrata in vigore dei decreti attuativi del Jobs Act. A dispetto, infatti, delle dichiarazioni entusiastiche del ministro Poletti e della sottosegretaria al Welfare Bellanova, secondo Grillo e i suoi, il restringimento dell'applicabilità dell'art. 18 ha amplificato la sensazione di insicurezza tra i lavoratori i quali, temendo di poter perdere il posto più facilmente che in passato, sono certo meno propensi a spendere.

La misura auspicata come optimum dai pentastellati per dare una sferzata all'economia in questo momento è, dunque, il vero e proprio reddito di cittadinanza – entrata mensile che per definizione spetterebbe a tutti i cittadini o residenti sul suolo italiano il cui reddito si pone al di sotto di una certa soglia, indipendentemente dall'età e dalla capacità lavorativa e per una durata tendenzialmente illimitata – per un ammontare base di 780 euro al mese destinati ad aumentare progressivamente in funzione del numero dei familiari a carico.

Che sia questa la chiave per “cambiare verso” al sistema Italia?...

(30/03/2015 - Mara M.)
Le più lette:
» Avvocati: cassazionisti senza esami per tutti gli iscritti ante riforma
» Avvocati: albi online senza segreti
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Affitto: la cauzione va restituita anche in caso di danni
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF