Sei in: Home » Articoli

Fa credere al compagno di essere il padre di una bambina. Ora deve risarcire il danno

Una pronuncia del Tribunale di Firenze che riconosce la lesione della dignità personale e della libertà di autodeterminazione rispetto alle proprie scelte di vita
Uomo in giacca e cravatta che manifesta stupore
Con sentenza del 2 febbraio 2015, il Tribunale di Firenze si è pronunciato sulla condotta di una donna che, per oltre un anno dalla nascita della propria figlia, non ha rivelato al partner di aver intrattenuto rapporti sessuali con un altro uomo nel periodo in cui era iniziata la gravidanza, ingenerando così  nell'uomo la falsa convinzione di essere il padre della bambina.

Il tribunale, accertata l'ingiustizia del danno e la colpa della convenuta, ha ravvisato in tale condotta omissiva della donna gli estremi dell'illecito colposo

L'attore, che è stato indotto a riconoscere una figlia biologicamente non sua, ha subìto la lesione di interessi costituzionalmente tutelati, quali la dignità personale e  la libertà di autodeterminazione rispetto alle proprie scelte di vita.

In fattispecie simili, l'azione risarcitoria in questione, proprio in virtù del fatto che il diritto leso riguarda l'autodeterminazione della persona, potrà essere esercitata sia dal convivente more uxorio che dal marito che apprenda che il figlio nato in costanza della relazione stabile o del matrimonio, non sia biologicamente frutto del suo seme.

In relazione al "quantum" risarcitorio, nel caso di specie, se da un lato, il Giudice valorizza il diritto all'autodeterminazione della persona nella sfera genitoriale aprendo le porte al ristoro anche del danno non patrimoniale, dall'altro lato quantifica tale danno in un importo non particolarmente elevato, liquidandolo infatti  in soli Euro 5.000,00.

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(26/03/2015 - Maria De Filippis)
Le più lette:
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Risarcisce il cliente l'avvocato che dimentica di iscrivere la causa e mente sul punto
» Tradimento: quello "programmato" diventa di moda tra i mariti
» Mobbing e risarcimento danni: come dimostrare di aver subito una persecuzione
» Avvocato censurato se non assolve l'obbligo della formazione
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF