TAR Bologna - Benedizioni pasquali al vaglio della Magistratura (di Ciro CENTORE)

L'amministrativista più simpatico, vale a dire il Prof. Avv. Ciro Centore da Caserta, ha trovato un sistema assai originale per augurarci Buona Pasqua
chiesa prete sacerdote

di Paolo M. Storani - L'amministrativista più simpatico, vale a dire il Prof. Avv. Ciro Centore da Caserta, ha trovato un sistema assai originale per augurarci Buona Pasqua dalle colonne telematiche di LIA Law In Action: con un articolo su una curiosa decisione che dovrà adottare il Tar Bologna.

Grazie, caro Ciro, per l'ambita preferenza e buona lettura agli internauti.


""Il Tribunale Amministrativo di Bologna dovrà occuparsi, tra le varie cose di cui si occupano i TAR, anche della prossima Pasqua e delle tradizionali “benedizioni pasquali”. Casa per casa, il Parroco, notoriamente, si porta dai fedeli per la benedizione consueta.

Acqua santa e una preghiera, nel massimo rispetto di chi abita in questa casa.

Nell'ultimo decennio, si è avuta una variante, rappresentata dal fatto secondo cui il Parroco rende la sua benedizione nell'ambito anche di un “plesso scolastico” e lo fa nelle ore non dedicate alla istruzione.

Nelle cosiddette ore libere da concordare con il Dirigente scolastico e con i vari Consigli di istituto.

E' ovvio che non c'è costrizione alcuna a ciò fare e che la Chiesa ha preso questa iniziativa verosimilmente nel verificare che la benedizione tradizionale, per varie ragioni, non poteva intervenire con il consueto “giro per le case”. 

La “svolta” a questa consuetudine ha provocato una polemica riportata anche dalla stampa quotidiana perché difatti, da parte di una Associazione (Comitato bolognese scuola e costituzione) e da parte di undici insegnanti e sette genitori si è dissentito fortemente dalla iniziativa della Curia, in favore delle benedizioni “anche” a scuola.

Si è richiamata la Carta Costituzionale e il principio di “laicità” nella scuola pubblica.

Si è precisato che gli atti di culto e le celebrazioni legate agli stessi vanno assolti nei luoghi a ciò deputati, chiese e templi, ma non nelle sedi scolastiche, sedi anomale ed improprie, destinate alle attività didattiche e culturali, finalità che sono “proprie” della scuola.

Insomma anche le tradizioni religiose al di fuori dei plessi scolastici.

Di qui la contestazione e di qui il ricorso al Tribunale Amministrativo, con contestuale invito, da parte dei “genitori e maestri”, a rivedere la decisione di verso contrario.

Il TAR si occuperà quindi di questa particolare vicenda che, per il vero, a quanto ci si ricorda, ha già qualche precedente in sede giudiziaria e favorevole ai principi di laicità e aconfessionalità dello Stato.""

Autore: Prof. Avv. Ciro Centore

(26/03/2015 - Law In Action - di P. Storani)
Le più lette:
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Il 'bon ton' degli avvocati
» Guide di diritto penale
» Magistrati: i 5 peggiori vizi che rendono furibondi gli avvocati
» Pensioni: trovato l'accordo. Cosa cambia da gennaio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF