Acqua: ancora rincari sulle bollette, in Toscana i maggiori aumenti.

Acqua sempre più cara come dimostrano gli aumenti delle bollette. +6,6% rispetto al 2013 e +52,3% rispetto al 2007
Rubinetto dell'acqua con dietro dei soldi
Acqua bene primario, ma sempre più costoso, come dimostrano gli aumenti delle bollette che registrano a carico dei cittadini un +6,6% rispetto al 2013 e +52,3% rispetto al 2007.

Questo è quanto emerge da un dossier pubblicato da Cittadinanzattiva in occasione della "Giornata mondiale dell'acqua" fissata per il 22 marzo. Dai dati raccolti dall'Osservatorio Prezzi e Tariffe dell'organizzazione risulta che nell'ultimo anno il costo medio sopportato da una famiglia italiana per usufruire del servizio idrico integrato è pari a circa 355 euro, cifra maggiore rispetto a quanto invece si spende per l'energia elettrica in molte zone del paese (circa 513 all'anno).

La Toscana guadagna il podio di questo triste primato con le città di Firenze, Pistoia e Prato, le cui bollette sopportano costi pari a circa 563 euro, a seguire si ritrovano Grosseto e Siena con 562 euro; la città di Isernia, invece, spicca per la migliore tariffa, rimasta invariata rispetto all'anno precedente e pari a 120 euro, seguita da Milano con 136 euro ed un aumento complessivo dell'8,7%. Le località con l'incremento maggiore dei costi sostenuti sono Latina e Cuneo (+17%).

Il quadro regionale che emerge dall'indagine, realizzata per il decimo anno consecutivo, vede dunque primeggiare la Toscana ed i suoi capoluoghi di regione con una spesa media annua di EUR 526 in aumento del 5,6% rispetto al 2013; anche le regioni centrali come Marche (EUR451) ed Umbria (EUR 439), vedono aumentare la spesa con una variazione, rispettivamente, del 5,1% e del 4,3%; in controtendenza le regioni del Nord Italia, poiché delle 10 città più economiche la metà sono capoluoghi settentrionali.

Balza all'occhio un altro dato preoccupante riguardante la dispersione idrica: in Italia si spreca in media il 37% dell'acqua immessa nelle tubature, percentuale maggiorata di tre punti rispetto al 2013. Le regioni più "sprecone" sono Calabria (60%) e Basilicata (58%) con perdite superiori alla media nazionale, ma anche al centro Lazio e Abruzzo registrano una dispersione idrica rispettivamente del 60% e del 53%. Più virtuose Valle d'Aosta con il 20% di dispersione, Marche e Trentino Alto Adige con il 26%.

L'indagine di Cittadinanzaattiva, tuttavia, precisa come il dato negativo riguardante i costi idrici venga stemperato dalla presenza di agevolazioni tariffarie che operano nel 56% dei casi, la cui attuazione, però, avviene in modo disomogeneo nelle diverse aree del paese rendendo le misure poco incisive: nel 79% dei casi gli aventi diritto vengono selezionati in base ad una soglia Isee e l'entità dell'agevolazione è uguale per tutti nel 31% dei casi, mentre un ulteriore 31% viene strabilio in base alle dimensioni del nucleo familiare. La tipologia di agevolazione, nel 39% dei casi si configura come contributo forfettario.
(20/03/2015 - G.C.)
Le più lette:
» Il peggior cliente che l'avvocato possa mai sperare di avere…
» Avvocati di successo: le sei abilità necessarie
» Paga il danno da alienazione parentale la mamma che non fa vedere il figlio all'ex
» Le tasse del defunto le pagano gli eredi
» Risarcimento in libri per la baby squillo dei Parioli
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF