Diritto Penale

In Gazzetta Ufficiale le disposizioni di non punibilitą per tenuitą del fatto.

D.Lgs. 16 marzo 2015, n. 28 .
Immagine del logo della Gazzetta Ufficiale con effetti
- Dott. Emanuele Mascolo Praticante Avvocato Abilitato al Patrocinio - 

E' stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.64 del 18-3-2015, il Decreto Legislativo 16 marzo 2015, numero 28, recante disposizioni in materia di non punibilitą per particolare tenuitą del fatto, come previsto dalla Legge 28 aprile 2014, numero 67, articolo 1, comma 1, lettera m.

Il Decreto Legislativo in argomento, ha il fine di regolamentare, in particolare, l'esclusione della puniblitą "di condotte sanzionate con la sola pena pecuniaria o con pene detentive non superiori nel massimo a cinque anni, quando risulti la particolare tenuitą dell'offesa e la non abitualitą del comportamento, senza pregiudizio per l'esercizio dell'azione civile per il risarcimento del danno e adeguando la relativa normativa processuale penale." (articolo 1, comma 1, lettera m, Legge n.67/2014)

Qui di seguito le novitą pił significative.

Il Decreto Legislativo, n. 28/2015, in vigore dal 02/04/2015, ha previsto importanti modifiche al codice penale, ed in particolare, nel Titolo V con la novitą dell'articolo 131bis, che sarą rubricato " Esclusione della punibilitą per particolare tenuitą del fatto," che, in sintesi, esclude la punibilitą, " quando, per le modalitą della condotta e per l'esiguitą del danno o del pericolo, valutate ai sensi dell'articolo 133, primo comma, l'offesa č di particolare tenuitą e il comportamento risulta non abituale."

La riforma riguarda anche l'articolo 411 del codice di procedura penale, ovvero, l'aggiunta al comma 1 delle parole, " che la persona sottoposta alle indagini non e' punibile ai sensi dell'articolo 131-bis del codice penale per particolare tenuitą del fatto." 
Decreto Legislativo 16 marzo 2015, numero 28
Legge 28 aprile 2014, numero 67
(21/06/2015 - Emanuele Mascolo)
Le pił lette:
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Il 'bon ton' degli avvocati
» Guide di diritto penale
» Magistrati: i 5 peggiori vizi che rendono furibondi gli avvocati
» Pensioni: trovato l'accordo. Cosa cambia da gennaio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF