Sei in: Home » Articoli

Parte l'operazione “marijuana” di Stato

La produzione delle piantine da parte dell'esercito è pronta per essere avviata nello stabilimento chimico militare di Firenze
Foglie di marijuana

di Marina Crisafi - Dopo l'annuncio dell'imminente proposta di legge per legalizzare la cannabis in Italia (leggi l'articolo: “In arrivo una legge bipartisan per legalizzare la cannabis), un'altra notizia arriva sul fronte dell'uso della pianta a scopo farmacologico: sta per partire, infatti, quella che è stata definita da molti l'operazione marijuana di Stato”.

La produzione delle piantine da parte dell'esercito è pronta per essere avviata nello stabilimento chimico militare di Firenze, e già da oggi, come evidenziato da Repubblica (leggi l'articolo “Tra i militari che coltivano la marijuana di Stato”) dovrebbero arrivare i primi furgoni con le talee di cannabis. 

La coltivazione a fini terapeutici, l'unica autorizzata nel nostro Paese, potrà così cominciare effettivamente nei prossimi giorni.

Lo stabilimento produrrà circa un quintale di cannabis l'anno, mentre il raccolto verrà effettuato ogni tre mesi procedendo poi alla fase dell'essiccazione. La procedura seguirà dei protocolli rigidi perché i principi attivi che dovranno essere presenti nei “prodotti” da destinare alle farmacie delle Regioni che ne faranno richiesta dovranno rispettare il tetto massimo del 5-6% del peso del prodotto.

Per il momento, l'uso terapeutico della marijuana è stato approvato, con parametri diversi, soltanto da alcune regioni italiane (Toscana, Puglia, Liguria, Sicilia, Veneto, Marche, Friuli, Abruzzo e Umbria) che saranno le prime (con diverse gradazioni) ad avere garantite le forniture che verranno rese disponibili nelle farmacie. 

Il numero, però, assicurano i ricercatori, è destinato ad aumentare.

 

Vai al sondaggio sulla legalizzazione della marijuana ed esprimi la tua opinione


 

(19/03/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Riforma giudici di pace: da oggi in vigore
» Leva obbligatoria per 8 mesi: la proposta al Senato
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: i libri da leggere sotto l'ombrellone ... tra un atto e una nuotata
» Condominio: ripartizione spese di pulizia e illuminazione scale
In evidenza oggi
Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodoIncidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto TravawAvvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Bulli online: ammoniti dal questore
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF