ARRUOLAMENTO - TAR LAZIO 2719/2014 - Giudizio di inidoneità - Masse adipose e masse muscolari

ARRUOLAMENTO - TAR LAZIO 2719/2014 - Giudizio di inidoneità - Masse adipose e masse muscolari
militari

di Paolo M. Storani - Il Prof. Avv. Ciro Centore è un insigne amministrativista ed un assiduo visitatore di LIA Law In Action, ove pubblica le sue graditissime chicche in una materia che agli occhi dei più è arcana ed oscura. Ciro ha il raro dono di renderla comprensibile e persino piacevole. In suo onore proporrò di corredare l'articolo con una fotina della Scuola militare della Nunziatella di Napoli, fondata il 18 novembre 1787 come Reale Accademia Militare. Scherzi a parte, Ciro da Caserta va sempre al centro della problematica con la dote di afferrare nelle sentenze quelle che possono essere d'ausilio per arrivare al cuore della questione. Buona lettura a tutti, quindi, e non solo agli interessati dalla tematica!

""Il TAR Lazio, con la sentenza n. 2719/2014, Sez. I bis (Silvestri, Presidente, D'Angelo Consigliere, Rizzetto, Estensore) ha fatto “il punto” in ordine ad una vicenda correlata al giudizio di “inidoneità” espresso, a danno e carico di un giovane che aveva partecipato al bando di arruolamento, come volontario in ferma breve annuale e che era stato escluso, dalla relativa ammissione, sul presupposto secondo cui non godesse dei requisiti fisici stabiliti dal DPR 90/2010 e dalla Direttiva del Ministero della Difesa, 5/12/2005.

La sentenza è interessante perché, per la prima volta, si chiarisce, riandando al menzionato DPR, quali siano le cosiddette “disarmonie somatiche e le distrofie costituzionali di grado rilevante” che determinano questa esclusione.

Secondo la Magistratura amministrativa le imperfezioni e le infermità si rapportano ai caratteri “esteriori” dell'interessato e in particolar modo alla “consistenza delle masse adipose e loro distribuzione, nonché, tanto per esemplificare, al perimetro addominale”, il tutto, in altre parole, indicative di “obesità” o comunque di “fisico non adatto a sopportare l'impegno del servizio militare”.

In sentenza e con il richiamo alla Direttiva 5/12/2005 sono i fissati i parametri e i criteri per la valutazione della costituzione somatica, statura, peso corporeo, dal cui rapporto scaturisce, con l'applicazione di una formula matematica, l'indice di massa corporea e da qui il cosiddetto IMC.

Si tratta di elementi tecnici non discrezionali, soggiunge il TAR, ma vincola la stessa Commissione Militare ed esaminatrice che ne prende atto e li applica “doverosamente” senza alcun giudizio e valutazione di carattere discrezionale, sicché, a fronte di tanto, l'Amministrazione (Ministero della Difesa) e le varie Commissioni Mediche sono vincolate e non hanno alternative e valutazioni, si ripete, di carattere tecnico discrezionale.

Sempre il TAR soggiunge, ancora, che “l'unica possibilità per evitare la esclusione” dal bando, per inidoneità, rapportata a quanto detto, si ha quando “l'eccesso ponderale” sia ascrivibile “a massa muscolare”, anzichè a grasso corporeo.

Nel caso di specie tale ipotesi è stata esclusa sulla base della osservazione della distribuzione e localizzazione delle masse adipose, oltre che del rapporto girovita/torace, che costituiscono “indici” per l'eccesso di peso derivante da massa grassa da quello dipendente da ipertrofia muscolare.

Questo giudizio clinico è determinativo per la inidoneità, così come riscontrata, per il particolare soggetto ricorrente e determina il rigetto di ogni rivendica in sede di vertenza giudiziaria.

La sentenza, si ripete, è interessante perchè consente, dalla lettura della stessa, di identificare gli elementi tecnico – clinici ai quali riandare per verificare se il giudizio di idoneità o inidoneità è corretto o meno e se, quindi, vale “la pena” di affrontare una causa innanzi al TAR.""

Autore: Prof. Avv. Ciro Centore


(17/03/2015 - Law In Action - di P. Storani)
Le più lette:
» Avvocati di successo: le sei abilità necessarie
» Il peggior cliente che l'avvocato possa mai sperare di avere…
» Paga il danno da alienazione parentale la mamma che non fa vedere il figlio all'ex
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
» Risarcimento in libri per la baby squillo dei Parioli
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF