Diritto di Famiglia

Separazione: l'archiviazione della denuncia per maltrattamenti non “salva” il marito dall'addebito

In tema di violenza domestica, anche se la denuncia della moglie per maltrattamenti è stata archiviata, ciò non esclude l'addebito della separazione per colpa i
Facciata del palazzo della cassazione

di Marina Crisafi - In tema di violenza domestica, anche se la denuncia della moglie per maltrattamenti è stata archiviata, ciò non esclude l'addebito della separazione per colpa in capo al marito.

Lo ha affermato la sesta sezione civile della Cassazione, con sentenza n. 4633 depositata il 6 marzo scorso, rigettando il ricorso dell'uomo che si doleva dell'addebito della separazione dichiarato dalla Corte d'Appello di Brescia e del conseguente assegno di mantenimento (pari a 400,00 euro mensili) disposto in favore dell'ex moglie.

Fatale, per i giudici del Palazzaccio, l'atteggiamento aggressivo del marito pienamente emerso sulla base dell'istruttoria testimoniale.

È vero infatti, hanno affermato gli Ermellini, che la denuncia-querela presentata in passato dalla donna è finita con una richiesta di archiviazione da parte della procura e che nessun testimone ha mai assistito alle violenze, ma è vero altresì che la stessa aveva più volte chiamato i parenti lamentandosi dei maltrattamenti dell'uomo e “almeno in un caso, le furono riscontrate lesioni che essa assumeva essere dovute ad una caduta a seguito delle spinte del marito”. Senza contare che proprio la condotta dell'uomo aveva indotto la donna a lasciare la casa coniugale.

Ciò basta per ritenere piena la prova dell'addebito della separazione a carico dell'uomo e a far disporre l'assegno di mantenimento, considerato anche lo stato di disoccupazione della donna contro la situazione patrimoniale del marito, architetto e intestatario di numerosi immobili.

Su quest'assunto la S.C. ha quindi rigettato il ricorso e condannato l'uomo all'integrale pagamento delle spese giudiziali. 

(09/03/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Il 'bon ton' degli avvocati
» Guide di diritto penale
» Magistrati: i 5 peggiori vizi che rendono furibondi gli avvocati
» Pensioni: trovato l'accordo. Cosa cambia da gennaio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF