Sei in: Home » Articoli

Cyber-bullismo: via i post offensivi dai social. Ecco il testo del ddl approvato al Senato

È stato un voto unanime quello espresso ieri dalla Commissione Affari Costituzionali del Senato sul disegno di legge “anti-bulli” online.
chat telematico touch screen tablet computer

di Marina Crisafi - È stato un voto unanime quello espresso ieri dalla Commissione Affari Costituzionali del Senato sul disegno di legge contro i "bulli" su internet.

L'obiettivo del ddl n. 1261 è quello di contrastare il dilagante fenomeno del cyber-bullismo, inteso come “qualunque forma di pressione, aggressione, molestia, ricatto, ingiuria, denigrazione, diffamazione e si intende altresì qualunque forma di furto d'identità, alterazione, acquisizione illecita, manipolazione, trattamento illecito di dati personali in danno di minorenni, realizzata per via telematica” in tutte le sue espressioni, con azioni a carattere preventivo e con strategie di attenzione e tutela ai minori coinvolti, sia nella posizione di vittime sia in quella di responsabili di illeciti.

A tale scopo, date le sempre più preoccupanti dimensioni del fenomeno, il disegno di legge dà il via libera a corsi specifici di formazione per il personale scolastico e stanzia risorse idonee anche per la formazione del personale della polizia postale, prevedendo altresì un tavolo interministeriale permanente, che sarà coordinato dal Miur.

Sotto il profilo delle tutele, invece, è prevista la rimozione dei contenuti offensivi dai social network e più in generale da internet a seguito di una mera segnalazione da parte degli interessati.

Potranno richiedere l'oscuramento, la rimozione o il blocco di qualsiasi dato diffuso nella rete internet, anche i minori purchè abbiano compiuto 14 anni, altrimenti sarà necessaria apposita istanza da parte di ciascun genitore o del soggetto esercente la responsabilità del minore leso.

I gestori dovranno provvedere entro le 24 ore successive al ricevimento dell'istanza; in caso contrario, l'interessato potrà rivolgere analoga richiesta, mediante segnalazione o reclamo, al Garante per la protezione dei dati personali, il quale dovrà provvedere entro le 48 ore successive.

Attualmente, come sottolineato anche dalla prima firmataria del testo, la pieddina Elena Ferrara, il cyber-bullismo non è un reato (salvo che non si configurino condotte perseguibili penalmente, come stalking, minacce, molestie, ecc.). Non si tratta, pertanto, di una “legge sanzionatoria”, fermo restando che, fin quando non venga proposta querela o presentata denuncia per eventuali reati connessi alla condotta perpetrata online, i minori responsabili, ove di età superiore agli anni quattordici, nei confronti degli altri minorenni, vedranno applicata la procedura dell'”ammonimento” (ex art. 8 d.l. n. 11/2009 convertito dalla l. n. 38/2009).

Vai al testo del disegno di legge sul cyberbullismo
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(06/03/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF