Sei in: Home » Articoli

AAA Cercasi selezionatori pulcini per 55mila euro l'anno… ma nessuno si candida

Sembra paradossale in tempi di crisi e di disoccupazione che avanza, ma c'è un lavoro che vale 55mila euro l'anno e nessuno si candida
Pulcino con accanto uovo dischiuso

di Marina Crisafi - Sembra paradossale in tempi di crisi e di disoccupazione che avanza, ma c'è un lavoro che vale 55mila euro l'anno e nessuno si candida.

La notizia arriva dal Regno Unito ed è stata evidenziata in questi giorni dal Daily Mail (vedi: “It pays £40,000 a year but no one wants to do it: Why being a 'chick sexer' is the hardest job in Britain”).

In sostanza, si tratterebbe di “mettere” le mani tra una moltitudine di pulcini appena nati per selezionarli, distinguendo i maschi dalle femmine, ma nessuno sembra propenso ad accettare “l'ingrato” compito.

In realtà, il mestiere non è poi così semplice (occorre un training formativo di tre anni) e neanche “moralmente” accettabile: i maschi scartati, infatti, finiranno al macello mentre le femmine negli allevamenti per la produzione di uova. Il lavoro, inoltre, va eseguito in tempi record (tra gli 800 e i 1.000 pulcini l'ora, dunque, circa 4 secondi a pulcino) e sulla base delle minuscole differenze genitali, mantenendo standard elevati difficili da sostenere nel lungo periodo e con margini di errore pari quasi a zero (la precisione richiesta è di circa il 97-98%).

Secondo il tabloid britannico si tratta del lavoro meno ambito in tutta la Gran Bretagna, tanto che, sulla base di quanto denunciato dalla British Poultry Council (l'associazione che raggruppa gli allevatori di pollame, ndr), sembra vi siano soltanto 100-150 addetti in tutto il Paese e che le imprese del settore siano riuscite a formare solo uno “specialista” lo scorso anno e zero l'anno precedente, andando incontro ad una grave crisi di personale che minaccia l'intero comparto dell'export.

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(05/03/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF