Sei in: Home » Articoli

L'interrogazione alla Commissione europea sulla compatibilitÓ dell'art. 21 Legge Professionale con il diritto comunitario

La riforma del sistema previdenziale forense introdotta dalla nuova legge professionale Ŕ stata postata all'attenzione delle istituzioni europee
toghe avvocati
La riforma del sistema previdenziale forense introdotta dalla nuova legge professionale, che impone l'iscrizione obbligatoria alla Cassa di Nazionale di Previdenza e Assistenza e la corresponsione dei contributi a prescindere dalla capacitÓ reddituale degli iscritti a pena della cancellazione dall'Albo, Ŕ stata portata all'attenzione delle istituzioni europee.
L'eurodeputato Ignazio Corrao del M5S, infatti, ha rivolto un'interrogazione parlamentare alla Commissione Europea chiedendo se tale disciplina sia in contrasto con i principi comunitari e, in particolare: se la normativa italiana violi il principio di libera concorrenza ex artt. 101 e 102 TFEU ed ostacoli l'accesso alla professione e libera circolazione dei servizi tutelata dagli artt. 106, 55 e ss. TFUE; se la predetta normativa violi l'art. 21 della Carta dei Diritti Fondamentali dell'Unione Europea che vieta qualsiasi forma di discriminazione fondata anche sul carattere patrimoniale; se l'organo esecutivo promotore del procedimento legislativo europeo non ritenga utile uniformare la disciplina che regola l'accesso alla previdenza forense in tutti gli Stati membri dell'Unione.

Secondo quanto rilevato dall'eurodeputato, invero, "tale riforma non solo scoraggia le giovani professionalitÓ ad esercitare un mestiere nobile ed antico, ma agevola soltanto gli affermati professionisti che, sebbene abbiano raggiunto tale status per meriti acquisiti negli anni, avranno meno concorrenza considerando che molti avvocati rischiano di essere cancellati dall'albo professionale perchÚ non hanno la possibilitÓ di pagare tasse vuoto per pieno, a prescindere dal fatturato".

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(01/03/2015 - Avv. Laura Bazzan)
Le pi¨ lette:
» Diritto all'indennitÓ di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF