Sei in: Home » Articoli

Bimba cade nel cortile della scuola: la presenza del personale esclude la responsabilità dell'istituto

Lo ha affermato la Corte di Cassazione, con sentenza n. 3365 del 20 febbraio 2015. La scuola aveva provato di aver tenuto una condotta diligente e di non aver potuto impedire il fatto
scuola id10544

Nessun risarcimento per la caduta dello scolaro nei locali dell'istituto perché la presenza del personale sul luogo dell'accaduto esclude il deficit di vigilanza della scuola. Lo ha affermato la Corte di Cassazione, con sentenza n. 3365 del 20 febbraio 2015, rigettando il ricorso dei genitori di una bambina che cadeva nel cortile della scuola elementare di Pagliare del Tronto, da lei frequentata, riportando varie lesioni.

A nulla sono valse le istanze dei ricorrenti i quali sostenevano che essendo avvenuto il fatto all'interno dell'immobile scolastico la colpa della scuola doveva presumersi ex art. 2048 c.c., potendo tale presunzione essere vinta solo dimostrando di aver esercitato una diligente sorveglianza.

Per la Cassazione, infatti, l'art. 2048 c.c., che attribuisce la responsabilità ai precettori del danno cagionato dal fatto illecito dei loro allievi, nel tempo in cui sono sottoposti alla loro vigilanza, presuppone oltre alla prova di non aver potuto impedire il fatto anche che sia accertata l'esistenza di un valido nesso causale tra la condotta dell'allievo e il danno, ivi compreso quello arrecato agli altri allievi.

Tale norma pur sollevando il danneggiato dall'onere di provare la colpa del maestro o precettore, non lo solleva da quello di provare la causa del danno.

Pertanto, nel caso di specie, ben ha operato, secondo i giudici del Palazzaccio, la Corte d'Appello d'Ancona rigettando la domanda per due ragioni: la prima perché “ha ritenuto l'infortunio dovuto a cause rimaste oscure e dunque per difetto di prova di un valido nesso causale tra la condotta della scuola e il danno”; la seconda perché ha ritenuto in ogni caso che “la scuola aveva provato di aver tenuto una condotta diligente e di non aver potuto impedire il fatto, giacchè al momento dello stesso erano presenti una bidella e vari insegnanti”.

Ne consegue, hanno concluso i giudici della S.C. respingendo la richiesta di risarcimento danni che, non essendovi elementi dai quali possa desumersi il difetto degli obblighi di sorveglianza, la responsabilità scolastica è esclusa. 

Cassazione Civile sentenza 20 febbraio 2015, n. 3365
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(24/02/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Divorzio: arrivano gli hotel che aiutano le coppie a lasciarsi
» Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
» Accesso agli atti: dalla legge 241 alla riforma Madia
In evidenza oggi
Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionaliRisarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
Gratuito patrocinio: onorari più alti per gli avvocatiGratuito patrocinio: onorari più alti per gli avvocati
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF