Sei in: Home » Articoli

Anche se la porta è in pessimo stato, forzarla è furto aggravato

furto rapina ladro

Nel reato di furto, non vale ad escludere l'aggravante il fatto che il ladro per introdursi in un negozio abbia forzato una porta d'ingresso già danneggiata, perché in ogni caso la stessa ha la funzione di difesa della proprietà privata e pertanto non può essere ulteriormente manomessa.

Lo ha affermato la Corte di Cassazione, quinta sezione penale, con sentenza n. 6762 del 16 febbraio scorso, confermando la condanna di un uomo per il reato di furto aggravato commesso introducendosi all'interno di un negozio, dopo aver forzato la porta d'ingresso. 

Inutili le doglianze dell'imputato sulla mancata applicazione delle attenuanti e il riconoscimento dell'aggravante dell'art. 625, comma 1, n. 2, c.p., nonostante la porta di ingresso del negozio fosse in pessimo stato e presentasse già segni di precedenti forzature. 

Per la Cassazione, infatti, l'aggravante della violenza sulle cose sussiste comunque quando “il soggetto usi, per commettere il fatto, energia fisica provocando la rottura, il guasto, il danneggiamento, la trasformazione della cosa altrui o determinandone il mutamento di destinazione”. Ciò è avvenuto nel caso di specie, secondo i giudici della S.C., in cui il ladro per entrare nel negozio ha forzato la porta, determinando un ulteriore danneggiamento. Pertanto, ha concluso la Cassazione, dichiarando inammissibile il ricorso, non può avere nessun rilievo “il fatto che si trattasse di porta in pessimo stato, perché anche una porta siffatta costituisce difesa della proprietà e non deve subire manomissioni che ne compromettano, ancor più, la funzione”.  

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(20/02/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Risarcisce il cliente l'avvocato che dimentica di iscrivere la causa e mente sul punto
» Tradimento: quello "programmato" diventa di moda tra i mariti
» Mobbing e risarcimento danni: come dimostrare di aver subito una persecuzione
» Avvocato censurato se non assolve l'obbligo della formazione
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF