Sei in: Home » Articoli

Cassazione: proprietà intellettuale, marchio forte e marchio debole

In tema di tutela dei marchi e dei brevetti, nel caso di specie la Suprema corte affronta la problematica della classificazione del marchio industriale
giudice sentenza martello cassazione
di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione civile, sezione prima, sentenza n. 3118 del 17 Febbraio 2015.
In tema di tutela dei marchi e dei brevetti, nel caso di specie la Suprema corte affronta la problematica della classificazione del marchio industriale, logo e lettere caratterizzanti un determinato prodotto o servizio, come “forte” o “debole”, con conseguente determinazione della disciplina giuridica applicabile. La questione tuttavia verte anche naturalmente circa l'apprezzamento del grado di confondibilità del marchio incriminato rispetto a quello di riferimento, problematica che la Cassazione conferma essere riservata, in assenza di palesi vizi logici e motivazionali, al giudice del merito.

Il giudice di primo grado ha qualificato il marchio di riferimento come forte, includendo nello stesso, suscettibile di registrazione, non solo il logo ma anche le lettere, “purchè idonei a svolgere una funzione distintiva dei prodotti e dei servizi di un'impresa”.

La contraffazione imputabile ai marchi forti, per essere classificata come tale, deve assumere i connotati di “appropriazione dell'identità sostanziale ovvero del nucleo ideologico espressivo che caratterizza l'attitudine individualizzante di quello anteriore”. Nel caso in cui il giudice verifichi che sia tranquillamente possibile distinguere i due marchi la tutela del forte si arresta, non potendo la stessa intimarne la sospensione d'uso. Il principio espresso nella sentenza in oggetto è che “non è possibile presumere la confusione per il solo fatto dell'esistenza di un rischio di associazione tra i segni”. Qui sotto il testo della sentenza.

Vedi anche nella guida "Impresa e società": Il marchio

Vai al testo della sentenza 3118/2015
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(26/02/2015 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF