Sei in: Home » Articoli

Milleproroghe: il Governo chiede la fiducia. Oggi il voto finale

L'impianto rimane nella sostanza quello approvato durante la maratona notturna delle Commissioni Bilancio e Affari Costituzionali
governo palazzo chigi

Una fiducia annunciata quella chiesta dal Governo ieri sera al termine della discussione sul decreto Milleproroghe (d.l. n. 192/2014) alla Camera. Ma anche una fiducia necessaria dati i tempi stretti per la conversione del testo, pena la decadenza, entro il prossimo 3 marzo.

L'impianto rimane, quindi, nella sostanza quello approvato durante la maratona notturna delle Commissioni Bilancio e Affari Costituzionali che hanno licenziato il testo con numerosi emendamenti.

La fiducia annunciata dal ministro per i rapporti con il Parlamento, Maria Elena Boschi, viene posta infatti sul testo licenziato dalle Commissioni.

Il voto è previsto per oggi a partire dalle 19:15 e, salvo sorprese, il decreto partirà subito “blindato” per l'approvazione definitiva al Senato e la necessaria conversione in legge entro il 3 marzo.

 

Ecco le principali novità apportate dalla Camera:


- Regime dei minimi Iva

Prorogato il “vecchio” regime con aliquota al 5% che coesisterà per tutto il 2015 con quello nuovo (con aliquota al 15%) introdotto dalla legge di Stabilita.

 

-     Blocco aliquote Inps per gli autonomi

Ferma al 27,72% per il terzo anno consecutivo l'aliquota previdenziale per gli autonomi. Dal prossimo anno però i contributi per gli iscritti alla gestione separata Inps aumenteranno al 28% per arrivare al 29% nel 2017.

 

- Nuova rateazione Equitalia

Riaperti anche i termini per la rateazione delle cartelle Equitalia per le imprese decadute fino a fine 2014. Il piano potrà essere richiesto entro il 31 luglio 2015 senza incorrere in azioni esecutive.

 

-     Blocco sfratti per 4 mesi

Tra gli emendamenti al Milleproroghe è stata prevista una soluzione “ponte” che permette al giudice di sospendere l'esecuzione degli sfratti fino al 120° giorno dall'entrata in vigore della legge al fine di consentire il “passaggio da casa a casa”.

 

-     Nessuna modifica per le frequenze Tv

Non ci sarà il ritorno dei canoni sui livelli del 2013 né il passaggio delle competenze dall'Agcom al Mise, pertanto, sia Rai che Mediaset potranno usufruire per tutto il 2015 del regime “di favore” attualmente esistente.

 

-     Rientro dei cervelli

Prorogati per altri due anni gli incentivi per favorire il “rientro dei cervelli” in patria. Allungata anche di un biennio (da 4 a 6 anni) la durata degli assegni di ricerca.

 

-     Riapertura uffici giudici di pace

Fino al 30 luglio 2015 sindaci e unioni dei comuni potranno chiedere la riapertura degli uffici dei giudici di pace soppressi per effetto della riforma sul riordino della geografia giudiziaria.

 

- Quota 20% anticipo appalti

Prorogato fino alla fine del 2016 l'anticipo della quota del 20% degli appalti alle imprese per consentire di far fronte ai problemi di liquidità e compensare gli effetti di split payment e reverse charge Iva.

 

- Farmacie

Slittano per un altro biennio i requisiti necessari per il trasferimento della titolarità delle farmacie, consentendo così le nuove aperture con la sola iscrizione all'albo (fatta eccezione per le 2600 nuove sedi del concorso straordinario).

 

-     Avvocati

Novità anche per la categoria degli avvocati che vedranno slittare al 2017 la riforma dell'esame di abilitazione, il quale, dunque, continuerà ad essere svolto secondo le precedenti disposizioni.

 

Per rimanere aggiornati sul decreto Milleproroghe basta essere iscritti alla nostra newsletter. Per iscriverti clicca qui

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(19/02/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF