Sei in: Home » Articoli

Il Movimento 5 Stelle chiede la chiusura di Equitalia: ecco le ragioni della proposta shock

Il Movimento 5 Stelle, dopo avere evidenziato che l'annunciata riforma di Equitalia da parte del premier da attuarsi entro la fine del 2014 è rimasta sulla carta, chiede la chiusura di Equitalia, definita dal Movimento un "moloch burocratico-criminale che spreca denaro pubblico, vessa i piccoli contribuenti onesti e protegge i grandi evasori". E, come extrema ratio, il Movimento parla -se dovesse essere necessario- di muratura dell'ingresso delle sedi per non permettere alle cartelle pazze di uscire dagli uffici.
A sostegno di questa proposta destinata a far parlare, sul blog di Beppe Grillo vengono citati una serie di dati: in primo luogo, Equitalia utilizza il principio dell'aggio (arrivato anche al 9%, per poi scendere all'8%) su un'attività come la riscossione. In secondo luogo, i crediti che Equitalia deve riscuotere si attestano intorno ai 545 miliardi di euro e si stima che il 90% di questi crediti siano oramai inesigibili. In terzo luogo, Equitalia conta circa ottomila dipendenti (di cui duemila in esubero) e cinquemila collaboratori esterni: le sole retribuzioni impegnano il 50% del fatturato.
In particolare, il Movimento chiede, oltre all'abolizione di Equitalia e al riassorbimento del personale presso l'Agenzia delle Entrate, l'annullamento degli interessi, delle more, degli aggi e delle sanzioni per il ritardato o il mancato pagamento delle cartelle e l'applicazione di un tasso di interesse standard unico pari all'Euribor a 12 mesi.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(13/02/2015 - G.C.)
Le più lette:
» La successione legittima
» Due multe da 286 euro e salvi la patente
» Al via gli sportelli per fare ricorso senza avvocati
» Vacanze gratis Inps: domande entro il 16 marzo
» Avvocati: via libera ai 6 mesi di pratica anticipata per i laureandi
In evidenza oggi.
Tirocini giudiziari: al via le borse di studio da 400 euro. Domande entro il 26 marzo
Al via gli sportelli per fare ricorso senza avvocati
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF