Sei in: Home » Articoli

Taglia-bollette: oltre 2 miliardi e mezzo di risparmio sull'elettricità. I numeri del Mise

Ammonterà a 2,7 miliardi di euro il risparmio sulle bollette elettriche nel 2015 per le famiglie e le imprese.

È quanto previsto dai dati elaborati dal Ministero dello Sviluppo Economico sulla base degli effetti del c.d. “taglia-bollette” contenuto nel decreto competitività e degli altri provvedimenti attuati nel 2014.

Nel dettaglio, le cifre individuate dal Ministero ammontano a 1,7 miliardi per le Pmi e a 1 miliardo per i consumatori.

Ma il risparmio non è interamente attribuibile al pacchetto “taglia-bollette” (dal quale si ricaverà un minore esborso totale pari a circa 1,2 miliardi, di cui 910 milioni di euro per le imprese e a 313 per le famiglie).

Ad incidere maggiormente sui “numeri molto positivi”, dichiarati dal dicastero guidato da Federica Guidi, oltre al calo dei prezzi del petrolio, saranno le misure già operative relativamente al nuovo regime per gli impianti fotovoltaici dal quale arriverà più di un miliardo (per la rimodulazione del meccanismo di pagamento e per la riorganizzazione degli incentivi) e ad altre voci minori di intervento sul settore tra cui: la riduzione della spesa per i certificati verdi (oltre 400 milioni), l'estensione dei soggetti tenuti al pagamento degli oneri di sistema (70 milioni), lo spostamento degli oneri di funzionamento del Gse sui beneficiari degli incentivi (30 milioni), la riduzione dei benefici al vaticano (1,5 milioni).

Tra le previsioni del Ministero vi sono anche due misure ancora da in fase di attuazione: la rimodulazione degli incentivi alle altre fonti rinnovabili e il trasferimento dell'extragettito della Robin Tax, pari a 104 milioni, a beneficio delle tariffe.

È dall'azione complessiva di tutte queste misure, che dispiegheranno gradualmente i loro effetti nel corso del 2015, secondo quanto dichiarato dal Ministero, che si ricaverà il risparmio globale di 2,7 miliardi.

Intanto, a detta del Mise, alcuni effetti hanno già cominciato a vedersi a partire da gennaio grazie al calo dei prezzi dei combustibili e alla riduzione del 3% decisa dall'Aeeg per le tariffe elettriche del mercato tutelato. 

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(08/02/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati: fino a mille euro per ogni figlio
» Quali beni non possono essere pignorati?
» Giovani avvocati: fino a tremila euro per master e titoli
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Condominio: per la telecamera sulle parti comuni l'unanimità non serve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF