Sei in: Home » Articoli

Pubblici dipendenti assenteisti? Chi l'ha detto?

Giungono dal Dipartimento della Funzione Pubblica dei dati in apparente controtendenza con il fenomeno
Uomo nascosto dietro una scrivania

A un mese dalle polemiche sollevate dalle massive assenze capodannizie  dei vigili romani, giungono dal Dipartimento della Funzione Pubblica dei dati in apparente controtendenza con il fenomeno. 

Secondo quanto pubblicato sul sito del Ministero della P.A., il 2014 ha fatto registrare in  4.434 enti della Pubblica Amministrazione un calo del 5% dei giorni di malattia rispetto ai 12 mesi precedenti, mentre il totale delle assenze per motivi diversi si è ridotto in misura del 2,9%. Il tutto traducibile statisticamente in una decina di giorni di assenza all'anno per singolo dipendente. Si tratta tuttavia di dati parziali (come abbiamo detto riguardano solo poche migliaia di enti) e restano inoltre esclusi dall'informativa insegnanti e personale della scuola, circa i quali mancano da tempo comunicazioni certe. 

Per quanto la distribuzione territoriale delle percentuali, si segnala che nel Nord Est la riduzione delle assenze è stata del 4,5%, del 3,4% del Nord-Ovest, del 5,4%al centro, e 5,8% al Sud e nelle isole.

(05/02/2015 - Mara M.)
Le più lette:
» Isee: i Caf sospendono il servizio dal 15 maggio
» Ogni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
» Carta d'identità elettronica: al via da oggi
» Il dictum della Cassazione: è reato mettere le corna in casa alla moglie!
» Condominio: multe fino a 2mila euro al mese all'amministratore che non comunica i nomi dei morosi
In evidenza oggi
Niente foto dei figli su Facebook: accordo dei genitori davanti al giudiceNiente foto dei figli su Facebook: accordo dei genitori davanti al giudice
RC Auto: vietata la clausola che impone il carrozziereRC Auto: vietata la clausola che impone il carrozziere
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF