Sei in: Home » Articoli

Se lei è rimasta “illibata” il matrimonio è nullo, anche in mancanza di oggettiva certezza

La Cassazione, con sentenza n. 1729/2015, ha confermato una sentenza di merito che dichiarava cessati, per mancata consumazione, gli effetti civili del matrimonio
sposa matrimonio nozze unione civile

Difficile accertare con certezza se la donna sia rimasta illibata, atteso che la valutazione ginecologica non ha escluso la mancanza di rapporti completi con il marito, ma le dichiarazioni rese dal difensore della donna assumono contenuto decisivo e valgono a pronunciare la nullità del matrimonio.

Così la Cassazione, con sentenza n. 1729/2015, ha confermato la statuizione della Corte d'Appello di Napoli che dichiarava cessati, per mancata consumazione, gli effetti civili del matrimonio tra due coniugi.

A nulla sono servite le obiezioni della donna sul vizio di motivazione della sentenza impugnata che aveva confuso “il concetto di rapporto sessuale completo con quello della consumazione – corrispondente - invece all'erezione seguita dalla penetrazione”, desumendo la mancata consumazione del matrimonio da circostanze diverse (la Ctu e le ammissioni contenute negli atti difensivi) dalle sole idonee a provarla e cioè “la verginità della moglie, l'impotenza funzionale e la lontananza fisica”.

La S.C., invece, ha considerato il ragionamento del giudice d'appello immune da vizi logici e giuridici in quanto basato sugli esiti della Ctu ginecologica (i quali pur non potendo accertare “se la penetrazione fosse stata completa o incompleta” erano compatibili con la mancata consumazione) e sulle ammissioni fatte dal procuratore della convenuta nel giudizio di primo grado (ai quali era stato attribuito valore indiziario e non confessorio).

Entrambi gli elementi, infatti, considerati unitamente, ha concluso la Cassazione rigettando il ricorso della donna, erano idonei, secondo l'incensurabile valutazione di merito, a ritenere provata la mancata consumazione del matrimonio. 


Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(04/02/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF