Attenti alle false mail “Equitalia”! È una truffa

Si tratta di email con oggetto “messaggio Equitalia” dove si chiede di aggiornare i dati relativi a carte di credito a pena di sanzioni
truffa  computer pirateria frode informatica

di Marina Crisafi - È la stessa società incaricata della riscossione dei tributi a lanciare l'allarme sulle mail che stanno spopolando in queste ore con oggetto “messaggio Equitalia” chiedendo agli utenti di aggiornare i propri dati relativi alle carte di credito o di debito, a pena di una sanzione per chi non si adegua.

Equitalia rivendica la propria estraneità rispetto a questi messaggi potenzialmente pericolosi, che nascondono in realtà un chiaro tentativo di truffa che rientra nello schema classico del phishing (vai alla guida) e mette in guardia i destinatari, invitandoli a non tenere conto delle mail ricevute, a non rispondere e a cestinarle immediatamente.

Anche Adiconsum, a seguito delle segnalazioni ricevute, avverte i consumatori , ricordando che né la pubblica amministrazione, né gli istituti bancari o le poste italiane e, più in generale, “nessun operatore che opera nella legalità” chiederanno via mail dati sensibili, e a maggior ragione le credenziali del conto corrente bancario o postale o il numero delle carte di credito o di debito.

Il consiglio unanime, quindi, è quello di non aprire mai le mail o comunque di cestinarle. E, laddove il messaggio ricevuto somigli in tutto e per tutto a quelli di provenienza “istituzionale” (banca, Agenzia delle Entrate, Inps, ecc.), è preferibile contattare direttamente il mittente per appurare l'attendibilità della richiesta pervenuta. 

(31/01/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati di successo: le sei abilità necessarie
» Il peggior cliente che l'avvocato possa mai sperare di avere…
» Paga il danno da alienazione parentale la mamma che non fa vedere il figlio all'ex
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
» Risarcimento in libri per la baby squillo dei Parioli
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF