Sei in: Home » Articoli

Consiglio di Stato: Non può ottenere la cittadinanza chi non dimostra di avere un reddito adeguato

La lunga durata della residenza è solo il requisito di base che non esonera dall'accertamento di ulteriori condizioni valutabili discrezionalmente
clandestino straniero extracomunitario immigrato
Avv. Laura Bazzan 
Con la sentenza n. 60, depositata in data 14 gennaio 2015, il Consiglio di Stato si è pronunciato in merito all'impossibilità di concedere la cittadinanza italiana ad un cittadino straniero, residente nel territorio della repubblica da oltre un decennio, in assenza dei requisiti reddituali previsti dall'art. 9 c. 1 lett. f) della legge n. 91/92 qualora non venga altresì dimostrata costanza nel tempo dell'adeguatezza della situazione economica dell'interessato
Nel caso di specie, il giudice d'appello amministrativo veniva adito da un cittadino pakistano il cui ricorso al TAR, promosso avverso il rigetto della propria istanza di concessione della cittadinanza per omessa dimostrazione dell'adeguatezza del reddito, veniva respinto. Il Consiglio di Stato, rilevando i presupposti per la definizione immediata della controversia, ha avuto modo di affermare che "è opinione comunemente condivisa, anche in base a giurisprudenza consolidata, che la concessione della cittadinanza italiana sia un atto connotato da una discrezionalità quanto mai estesa, tranne alcune ipotesi particolari

Ciò vale in particolare per l'ipotesi di cui all'art. 9, comma 1, lett. f) della legge n. 91/1992, ossia quella dello straniero che risiede legalmente in Italia da almeno 10 anni. È pacifico che la lunga durata della residenza, prevista dalla norma in esame, sia solo il requisito di base, ossia una condicio sine qua non, che non esonera dall'accertamento di ulteriori condizioni valutabili discrezionalmente, fra le quali l'effettivo e proficuo inserimento del soggetto nella comunità nazionale e l'autosufficienza economica". 

In particolare, la prova dell'autosufficienza economica, pur essendo soddisfatta anche se risultante la somma dei redditi di tutti i componenti del nucleo familiare del richiedente la cittadinanza, deve necessariamente connotarsi anche quale condizione duratura per consentire al richiedente, come già espresso in primo grado, "di mantenere adeguatamente e continuativamente sé e la famiglia senza gravare (in negativo) sulla comunità nazionale". 

Poichè l'aspirante cittadino aveva fornito la prova dell'autosufficienza economica solo rispetto all'anno antecedente alla emissione del provvedimento di diniego, il Consiglio di Stato ha ritenuto non provata la continuatività dell'adeguatezza, così confermando la sentenza appellata, senza tuttavia escludere la possibilità per l'interessato di riproporre con esito positivo la domanda di cittadinanza "qualora sia in grado di documentare che la sua situazione reddituale abbia conseguito una relativa stabilità".
Avv. Laura Bazzan
(31/01/2015 - Avv.Laura Bazzan)
Le più lette:
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Trasferimento di strumenti finanziari come ipotesi di donazione diretta ad esecuzione indiretta
» Pensioni: riscatto gratis laurea legato al merito
In evidenza oggi
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF