Governo: niente Imu sui terreni agricoli per più di 3mila comuni

Il governo ha fatto dietro front sull'Imu esentando totalmente dal pagamento della tassa 3.456 comuni (contro i 1.498 precedenti) e parzialmente altri 655, sulla base dei criteri fissati dall'Istat
terreno campagna natura

Dopo le polemiche dei giorni scorsi da parte dei comuni e delle associazioni del mondo agricolo e la mancata concessione della sospensiva da parte del Tar, a 3 giorni dalla scadenza del tributo (fissata per oggi), il governo ha fatto dietro front sull'Imu esentando totalmente dal pagamento della tassa 3.456 comuni (contro i 1.498 precedenti) e parzialmente altri 655, sulla base dei criteri fissati dall'Istat.

Sotto accusa erano proprio i criteri adottati per l'imposta dello scorso anno, calcolata su parametri altimetrici che non tenevano conto delle peculiarità dei territori e delle coltivazioni, stabilendo un'esenzione indifferenziata solo per i territori montani al di sopra dei 600 metri di altitudine e per i terreni coltivati da imprenditori agricoli professionisti e coltivatori diretti, e prevedendo invece il pagamento totale dell'imposta per tutti gli altri.

Nel Consiglio dei ministri n. 46, convocato d'urgenza venerdì il Governo ha deciso di correggere il tiro, propendendo per i parametri della c.d. “montagna legale” stabiliti dall'Istat e ampliando di fatto la platea degli esenti.

Il decreto legge approvato prevede, infatti, che per il 2015, l'esenzione dell'imposta municipale propria sarà totale per:

·    -    i terreni agricoli, anche non coltivati, ubicati nei comuni classificati come totalmente montani, come riportato dall'elenco dei Comuni italiani predisposto dall'Istat;

·    -   i terreni agricoli, anche non coltivati, posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali, ubicati nei comuni classificati come parzialmente montani, come riportato dall'elenco dei Comuni italiani predisposto dall'Istat.

I criteri suddetti varranno anche per l'imposta 2014, comunque non dovuta per quei terreni esenti in base al decreto del Mef del 28 novembre scorso.

Per tutti gli altri, è stata decisa una proroga dei pagamenti al 10 febbraio prossimo. 

(26/01/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Il 'bon ton' degli avvocati
» Mille cancellieri: il 21 novembre arriva il bando
» Guide di diritto penale
» Divorzio: nuovo compagno? Addio per sempre all'assegno di mantenimento!
» Pensioni: trovato l'accordo. Cosa cambia da gennaio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF