Sei in: Home » Articoli

Cimiteri per cani, gatti e altri animali d'affezione: luoghi dove perpetuare il ricordo di amorevoli compagni di vita

È notizia di questi giorni l'approvazione da parte del Consiglio Regionale della Toscana di una legge per l'istituzione di strutture deputate ad accogliere salme o ceneri di animali da compagnia
gatto rosso

Da Padova in giù (per parafrasare un celebre motivetto d'antàn), i cimiteri per cani e gatti sono ormai una realtà presente o prossima futura in molte regioni del Belpaese. Fra gli esempi più riusciti di questa iniziativa di civiltà: il Parco Beato, sito nelle campagne di Zagonara di Lugo di Ravenna, che ospita 7000 tombe di animali domestici su un ettaro di terreno ricoperto da prati inglesi, siepi e alberi secolari; oppure, scendendo a Sud, i campi santi di Bari e Reggio Calabria. 

È notizia di questi giorni, poi, l'approvazione all'unanimità da parte del Consiglio Regionale della Toscana di una apposita legge per l'istituzione e regolamentazione di strutture deputate ad accogliere salme o ceneri degli animali da compagnia, il cui preambolo recita che: “Alla luce della mutata e crescente sensibilità maturata nel nostro Paese in materia di tutela degli animali, è tangibile il contributo degli animali d'affezione alla qualità della vita umana ed il loro valore per la società”.  

E del resto, nessuno potrebbe negare l'effetto migliorativo sulla qualità della vita umana prodotto dalla compagnia di un cane, di un gatto o di un canarino con cui condividere parte delle proprie giornate: una sincera "corrispondenza di amorosi sensi" – così l'avrebbe chiamata il poeta – che ben giustifica il desiderio di curare il loro ricordo dopo che i nostri piccoli amici senza parola ci avranno ormai lasciato.

(19/01/2015 - Mara M.)
Le più lette:
» Il rifiuto di sottoporsi ad alcoltest può risultare non punibile
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Fermo amministrativo: la giurisdizione
» Obbligare la moglie a discutere è reato
In evidenza oggi
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Violenza donne: rispunta la castrazione chimicaViolenza donne: rispunta la castrazione chimica
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF