Cimiteri per cani, gatti e altri animali d'affezione: luoghi dove perpetuare il ricordo di amorevoli compagni di vita

È notizia di questi giorni l'approvazione da parte del Consiglio Regionale della Toscana di una legge per l'istituzione di strutture deputate ad accogliere salme o ceneri di animali da compagnia
gatto rosso

Da Padova in giù (per parafrasare un celebre motivetto d'antàn), i cimiteri per cani e gatti sono ormai una realtà presente o prossima futura in molte regioni del Belpaese. Fra gli esempi più riusciti di questa iniziativa di civiltà: il Parco Beato, sito nelle campagne di Zagonara di Lugo di Ravenna, che ospita 7000 tombe di animali domestici su un ettaro di terreno ricoperto da prati inglesi, siepi e alberi secolari; oppure, scendendo a Sud, i campi santi di Bari e Reggio Calabria. 

È notizia di questi giorni, poi, l'approvazione all'unanimità da parte del Consiglio Regionale della Toscana di una apposita legge per l'istituzione e regolamentazione di strutture deputate ad accogliere salme o ceneri degli animali da compagnia, il cui preambolo recita che: “Alla luce della mutata e crescente sensibilità maturata nel nostro Paese in materia di tutela degli animali, è tangibile il contributo degli animali d'affezione alla qualità della vita umana ed il loro valore per la società”.  

E del resto, nessuno potrebbe negare l'effetto migliorativo sulla qualità della vita umana prodotto dalla compagnia di un cane, di un gatto o di un canarino con cui condividere parte delle proprie giornate: una sincera "corrispondenza di amorosi sensi" – così l'avrebbe chiamata il poeta – che ben giustifica il desiderio di curare il loro ricordo dopo che i nostri piccoli amici senza parola ci avranno ormai lasciato.

(19/01/2015 - Mara M.)
Le più lette:
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Il 'bon ton' degli avvocati
» Guide di diritto penale
» Magistrati: i 5 peggiori vizi che rendono furibondi gli avvocati
» Pensioni: trovato l'accordo. Cosa cambia da gennaio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF