Sei in: Home » Articoli

Consiglio Stato: Decisione esclusione concorrente che non dichiara il patteggiamento

In materia di appalti ed in particolare di requisiti richiesti per la partecipazione alle gare, il Consiglio di Stato ha recentemente stabilito che benché l?esclusione del concorrente che sia stato condannato per reati finanziari o che incidono sulla moralità professionale sia non obbligo ma una facoltà discrezionale per la stazione appaltante, è legittima l?esclusione del concorrente che non dichiari di aver patteggiato una pena ex art. 444 c.p.p. per corruzione per un atto contrario ai doveri d?ufficio, abuso d?ufficio in casi non preveduti specificamente dalla legge in concorso, turbata libertà degli incanti in concorso, associazione per delinquere, corruzione continuata e altro, qualora il bando espressamente richieda tale tipo di dichiarazione; e ciò anche nel caso in cui la lettera di invito preveda una formulazione più ambigua ed equivoca, attesa la prevalenza del bando sulla lettera di invito. Tali reati evidenziano una situazione che doveva essere portata a conoscenza della stazione appaltante, al fine di esprimere le valutazioni sulla cui discrezionalità si incentra l?appello; e non rileva il fatto che tali reati siano stati accertati con una sentenza ex art. 444 c.p.p. anziché con un?ordinaria sentenza di condanna.
(Consiglio di Stato - Sezione Quinta Giurisdizionale, Sentenza 2 gennaio - 29 marzo 2004, n.1660: Contratti della P.A. - Ammissione - Requisiti - Moralità professionale - Portata - Art. 18 D.L. vo n. 406 del 1991).
Leggi il provvedimento su www.Filodiritto.com
(13/05/2004 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Avvocati: ne resteranno solo 100mila
» Stalking: reato cancellato con i soldi … anche se la vittima non vuole
» Usucapione: il possesso dei genitori si trasmette ai figli
» Multe non pagate? Niente passaporto
» Avvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reato
In evidenza oggi
Addio, Professore!Addio, Professore!
Avvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reatoAvvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reato
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

La riforma del processo penale è legge
Le novità e il testo