Sei in: Home » Articoli

Divieto di avvicinamento: per rispettare l'obbligo lo stalker deve conoscere i luoghi

stalking id8697

“Il provvedimento con cui il giudice dispone, ex art. 282-ter c.p.p., il divieto di avvicinamento ai luoghi abitualmente frequentati dalla persona offesa deve necessariamente indicare in maniera specifica e dettagliata i luoghi oggetto del divieto”.

Ad affermarlo è la Corte di Cassazione, nella sentenza n. 495 dell'8 gennaio scorso, accogliendo il ricorso di un uomo, indagato per il delitto di cui all'art. 612-bis c.p., avverso l'ordinanza del Gip presso il Tribunale di Fermo che applicava la misura del divieto di avvicinamento dello stesso nei confronti di una minore e ai luoghi dalla stessa frequentati.

Ricorrendo per Cassazione, il difensore dell'imputato deduceva la violazione di legge e la carenza dell'apparato motivazionale del divieto, data l'indeterminatezza dei luoghi inibiti alla frequentazione del suo assistito e delle modalità oggettive da osservare per il rispetto del divieto stesso, giacchè il provvedimento intimava solo una lontananza di almeno 200 metri, senza indicare né l'indirizzo della persona offesa, né i luoghi di abituale frequentazione, ponendo dunque l'indagato nell'impossibilità di osservare il provvedimento emanato.

La Corte non può che dargli ragione.

Ritenendo evidente l'assoluta carenza di completezza delle prescrizioni imposte all'indagato, la quinta sezione penale della S.C. ha, quindi, annullato il provvedimento con rinvio al medesimo giudice per nuovo esame, sottolineando la necessità di indicare dettagliatamente i luoghi oggetto del divieto, “perché solo in tal modo il provvedimento assume una conformazione completa, che ne consente l'esecuzione ed il controllo delle prescrizioni funzionali al tipo di tutela che si vuole assicurare”. 

(11/01/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF