Cassazione: regole ed eccezioni al pagamento della TARSU

Quali sono i presupposti per la legittima irrogazione della tassa sui rifiuti solidi urbani, meglio nota come Tarsu? Ecco cosa dice la Cassazione
tasse evasione commercialista fisco elusione

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione civile, sezione sesta, sentenza n. 33 del 7 Gennaio 2015. Quali sono i presupposti per la legittima irrogazione della tassa sui rifiuti solidi urbani, meglio nota come tarsu? Nel caso in oggetto l'interessato ha impugnato con successo quattro avvisi di accertamento relativi a un garage il cui uso, a dire dell'interessato, era sporadico, ottenendone l'annullamento. Ricorreva quindi per Cassazione il Comune impositore.

La Cassazione accoglie il ricorso, rilevando come il d. lgs. 507/1993 abbia gravato in capo agli enti locali l'onere di istituire apposita tassa annuale su base tariffaria, “gravante su chiunque occupi o conduca locali, a qualsiasi scopo adibiti, esistenti nelle zone del territorio comunale, in cui i servizi sono istituiti, compresi i garage”. 

E soprattutto individuando il principio generale secondo il quale “tale tassa è dovuta indipendentemente dal fatto che l'utente utilizzi il servizio, salva l'autorizzazione dell'ente impositore allo smaltimento dei rifiuti secondo altre modalità, perchè il servizio sia istituito e sussista la possibilità dell'utilizzazione”. In definitiva il presupposto oggettivo per l'applicazione dell'imposta è costituito dalla circostanza che l'interessato occupi quello specifico locale, non importa quale sia la sua destinazione d'uso, “a prescindere del tutto dal titolo, giuridico o di fatto, in base al quale gli immobili sono occupati o detenuti”. 

L'onere della prova, infine, fermo restando il principio secondo il quale spetta all'amministrazione a dover allegare la fonte dell'obbligazione tributaria, in caso di eccezione alla regola generale sopra citata – come nel caso in oggetto – è il contribuente a dover fornire gli elementi necessari a fondare legittima eccezione. La sentenza è cassata senza rinvio, decidendo direttamente la Cassazione nel merito, non essendo necessari ulteriori accertamenti di fatto.

Vai al testo della sentenza 33/2015
(14/01/2015 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Il 'bon ton' degli avvocati
» Guide di diritto penale
» Magistrati: i 5 peggiori vizi che rendono furibondi gli avvocati
» Pensioni: trovato l'accordo. Cosa cambia da gennaio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF