Sei in: Home » Articoli

2015: attese nuove regole per i dipendenti pubblici. In allegato il testo del DDL di riforma della Pubblica Amministrazione

Il disegno di legge a firma del ministro Madia prevede alcune innovazioni nel settore pubblico e per i dipendenti delle pubbliche amministrazioni
funzione pubblica ufficio impiegati pubblico impiego
In seguito al considerevole assenteismo registrato tra corpo dei vigili urbani del comune di Roma il 31 dicembre, la riforma della Pubblica Amministrazione si è riproposta all'attenzione generale. 
Il disegno di legge a firma del ministro Madia, già presentato in Parlamento e in attesa di essere discusso nel mese di febbraio, prevede alcune innovazioni nel settore pubblico e per i dipendenti delle pubbliche amministrazioni, tra le quali rilevano, in particolare: 

- l'accesso mediante concorso unico, all'esito del quale i dirigenti verranno assegnati nelle varie amministrazioni per un triennio, con successivo esame per poter essere assunti a tempo indeterminato;

- l'accesso mediante corso-concorso nella scuola della pubblica amministrazione per i funzionari, con ulteriore esame al termine del triennio per assumere la qualifica di dirigente;

- l'istituzione di apposite commissioni presso gli enti locali per valutare l'effettiva sussistenza dei presupposti per il licenziamento disciplinare;

- la semplificazione della mobilità senza necessità di nulla osta per quella libera e il trasferimento entro 50 kilometri per quella obbligatoria;

- l'affidamento dei controlli fiscali all'INPS anziché alle Asl per rendere il servizio più economico ed efficiente in un'ottica di parificazione tra pubblico e privato.

Ciò che attualmente ancora manca, tuttavia, è un piano per il rinnovo contrattuale e l'aumento degli stipendi degli impiegati statali.
Laura Bazzan

Qui di seguito il testo del DDL di riforma della PA (se non riesci a visualizzarlo vai a questa pagina: http://issuu...ddl-riforma-pa-2015...)

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(10/01/2015 - Avv. Laura Bazzan)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF