Sei in: Home » Articoli

L'espropriabilità dei beni pubblici. Il caso a sè dei beni demaniali e patrimoniali indisponibili.

I problemi si pongono per i beni demaniali e per quelli del patrimonio indisponibile
Immagine di una bilancia simbolo della Giustizia
di Luigi Papalia 
I beni pubblici sono espropriabili?  In caso positivo quali sono le regole da osservare?

In via generale,  va detto che,  se è unanime il riconoscimento di una tale possibilità da parte di dottrina e giurisprudenza per i beni del patrimonio disponibile e per quelli di interesse pubblico, i problemi si pongono per i beni demaniali e per quelli del patrimonio indisponibile.

Le ragioni sono evidenti ed afferiscono al diverso regime che connota tali beni: i beni del patrimonio disponibile e quelli di interesse pubblico godono, infatti,  di un regime privatistico che non tollera dubbi circa la loro pacifica assoggettabilità alle procedure di espropriazione; è invece per i beni demaniali come per quelli del patrimonio indisponibile che si sono poste varie questioni.

In particolare, è stato evidenziato da attenta dottrina che per i beni demaniali,  prima che il T.U 327/2001 prevedesse espressamente la necessità del procedimento di sdemanializzazione al fine della sottoponibilità degli stessi al procedimento ablatorio, tre diverse tesi si contendevano il campo tanto in dottrina quanto in giurisprudenza.

Secondo una prima opzione, poiché il procedimento ablatorio avrebbe comportato un mero passaggio da un'Autorità pubblica ad un'altra, non sarebbe stata necessaria né la sdemanializzazione né addirittura alcuna procedura espropriativa; procedura richiesta invece da una diversa tesi nel quadro di una attenta comparazione degli interessi pubblici coinvolti; prevalente tuttavia risultava tanto in dottrina quanto in giurisprudenza la tesi che postulava la previa sdemanializzazione del bene.

Il legislatore  con il T.U. 327/2001 non ha fatto altro che sancire definitivamente il superamento del dibattito dottrinale e giurisprudenziale recependo l'ultimo degli indicati orientamenti e prevedendo con l'art.4 che i beni demaniali non sono espropriabili se non a seguito di sdemanializzazione.

Dunque è con la sdemanializzazione che cessa quel peculiare regime pubblicistico che impone la inalienabilità come la non usucapibilità o l'impossibilità di essere oggetto di diritti dei terzi del bene.

Il citato T.U., infine, ha recepito anche per i beni del patrimonio indisponibile l'indirizzo giurisprudenziale che ne ammetteva  la espropriabilitá, ove necessaria al fine di perseguire un'utilità superiore.

Il comma 2 dell'art. 4, infatti, consente l'espropriazione dei beni del patrimonio indisponibile dello Stato e degli altri enti pubblici per perseguire un interesse pubblico di rilievo superiore a quello soddisfatto con la precedente destinazione. 

di Luigi Papalia E-mail: avvluigipapalia@gmail.com
(31/12/2014 - Luigi Papalia)
Le più lette:
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF