Concorsi Forze Armate: d'ora in poi tutti "all'altezza"

Cambiano i parametri fisici per l'ammissione ai concorsi delle forze armate, di polizia e vigili del fuoco.
Militare esercito soldato Armi

Con il sì definitivo della Camera alla proposta di legge (C. 2295 e abb.) che modifica l'art. 635 del Codice dell'ordinamento militare, di cui al d.lgs. n. 66/2010, dal 18 dicembre scorso cambiano i parametri fisici per l'ammissione ai concorsi delle forze armate, di polizia e vigili del fuoco.

La novità più eclatante del provvedimento che ha visto l'accordo unanime del Parlamento, è l'eliminazione dei limiti minimi di altezza, richiesti necessariamente per l'accesso nei corpi armati italiani, e che corrispondevano ad almeno 1 metro e 65 centimetri per gli uomini e ad 1 metro e 61 centimetri per le donne.

Cade così uno degli ultimi tabù in materia e si raggiunge, con l'eliminazione  di un requisito ormai anacronistico e altamente discriminatorio, secondo gli stessi promotori della legge, “un obiettivo di civiltà giuridica e di merito”, che mira appunto a valorizzare le competenze e a favorire l'accesso alle carriere presso le forze armate.  

I requisiti, sulla base dei quali verranno effettuate le valutazioni durante i concorsi per il reclutamento delle nuove leve, saranno quindi un “mix” tra più parametri fisici correlati “alla composizione corporea, alla forza muscolare e alla massa metabolicamente attiva, secondo le tabelle richieste dal regolamento”.

Ad essere valutato, in sostanza, sarà l'insieme delle capacità fisiche e attitudinali, garantendo una selezione efficace di fronte ad una platea più ampia, dalla quale sinora restavano esclusi in molti (e soprattutto le donne) solo per motivi di conformazione fisica e a prescindere dalle loro qualità. 

(23/12/2014 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati: cassazionisti senza esami per tutti gli iscritti ante riforma
» Avvocati: albi online senza segreti
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Affitto: la cauzione va restituita anche in caso di danni
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF