Sei in: Home » Articoli

Consulenza tecnica_ Cassazione, non viola il contraddittorio il CTU che utilizza parametri valutativi diversi dagli standard senza avvisare i CTP

Lo afferma la Corte di Cassazione civile, sezione prima, sentenza n. 26276 del 15 Dicembre 2014.
giudice sentenza martello

di Licia AlbertazziCorte di Cassazione civile, sezione prima, sentenza n. 26276 del 15 Dicembre 2014. 

Non può considerarsi violato il principio del contraddittorio se il consulente tecnico d'ufficio ha deciso di utilizzare parametri di valutazione diversi da quelli standard senza darne avviso ai consulenti di parte. Lo afferma la Cassazione enunciando il seguente principio di diritto: “in materia di consulenza tecnica non rientrano tra le vere e proprie operazioni tecniche per le quali è previsto l'intervento delle parti le attività meramente valutative che il consulente compie allo scopo di enucleare e coordinare, sulla base dei dati acquisiti, gli elementi di giudizio”. 

Nel caso di specie gli interessati ricorrono avverso la sentenza di merito denunciando vizi in fase di acquisizione della prova scientifica - nella specie, esame di campioni di dna finalizzati al riconoscimento di filiazione – poiché il consulente tecnico d'ufficio avrebbe utilizzato parametri valutativi diversi dagli standards normalmente adottati. Ciò, a detta dei ricorrenti, sarebbe avvenuto senza previamente avvisare i consulenti di parte.

La Suprema corte disattende tale tesi osservando che tutte le operazioni di prelievo di dna sarebbero avvenute alla presenza dei rispettivi consulenti tecnici di parte; ed agli stessi il ctu avrebbe consegnato alcuni tamponi biologici, di modo da permettere a questi ultimi di eseguire le medesime prove di corrispondenza scientifica in maniera totalmente indipendente. 

I tamponi utilizzati dal ctu sono risultati essere i medesimi forniti ai periti fiduciari; l'unica differenza è consistita nell'utilizzo, da parte del ctu, di metodologie di ricerca e verifica più ampie rispetto a quelle ordinarie; tuttavia osserva la Corte che “ciascun consulente di parte – in possesso di campioni biologici identici a quelli utilizzati dal Dott... - era in grado di verificare ed eventualmente confutare le conclusioni dallo stesso raggiunte”. 



Vai al testo della sentenza 26276/2014
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(20/12/2014 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF