Sei in: Home » Articoli

Determinati i flussi d'ingresso per i lavoratori dei nuovi Stati membri dell'Ue

Con D.P.C.M. 20 aprile 2004 sono stati programmati i flussi d'ingresso per i lavoratori cittadini dei nuovi Stati membri dell'Unione europea nel territorio dello Stato per l'anno 2004. Il provvedimento si è reso necessario in seguito all'adesione all'Unione europea di nuovi 10 stati membri, dal momento che per il 1° bienno a partire dal 1° maggio 2004 non è applicabile la disciplina del Reg. (CEE) 15 ottobre 1968 n. 1612 che consente la libera circolazione dei cittadini dell'Ue negli altri stati mebri per l'esercizio di attività di lavoro subordinato. Per il 2004 sono ammessi per motivi di lavoro subordinato 20.000 unità provenienti dagli stati di nuova adesione in aggiunta a coloro già ammessi con i provvedimenti del 19 dicembre 2003.

(D.P.C.M. 20/04/2004, G.U. 03/05/2004, 102)

(News pubblicata su autorizzazione di www.leggiditalia.it)
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(09/05/2004 - www.leggiditalia.it)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF