Processo civile telematico: la costituzione è ammissibile anche in assenza dell'autorizzazione ministeriale (D.G.S.I.A.)

La mancanza dell'autorizzazione del Ministero della Giustizia (c.d. D.G.S.I.A.) a ricevere telematicamente “gli atti introduttivi” non comporta alcun effetto in ordine “all'esistenza, alla validità e
tablet computer telematico

La mancanza dell'autorizzazione del Ministero della Giustizia (c.d. D.G.S.I.A.) a ricevere telematicamente “gli atti introduttivi” non comporta alcun effetto in ordine “all'esistenza, alla validità e all'ammissibilità” della costituzione in giudizio.

Ad affermarlo è la sezione lavoro del Tribunale di Genova, con provvedimento dell'1 dicembre 2014, esprimendosi sulla ritualità della costituzione di due società che avevano inviato entrambe le proprie memorie per via telematica.

Secondo il giudice genovese, occorre distinguere, infatti, “l'atto processuale - nella specie costituito da un documento informatico – dalla modalità di deposito dello stesso”, pertanto, una volta appurato che “la comparsa di costituzione informatica, digitalmente sottoscritta, soddisfa i requisiti richiesti dall'art. 416 c.p.c., deve trovare applicazione il principio generale dell'art. 121 c.p.c.”.

Tale principio, infatti, ha aggiunto il Tribunale, non può essere derogato dall'art. 35 del d.m. n. 44/2011, giacchè secondo la gerarchia delle fonti una “disposizione di natura regolamentare non può prevalere sulle norme di rango sovraordinato”.

Considerato, altresì, che “la comparsa inviata in via telematica, inserita dalla cancelleria nel fascicolo di ufficio, e comunicata al difensore della controparte, consente di ritenere pienamente raggiunto lo scopo della presa di contatto tra la parte, l'ufficio giudiziario e la controparte”, il Tribunale ha ritenuto sanato ogni eventuale profilo di irregolarità. 

(16/12/2014 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
» Avvocati: albi online senza segreti
» Condominio: multe fino a 2.500 euro per chi non adegua i termosifoni
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Tribunale degli Animali: gli avvocati a difesa dei "pelosi" dopo il divorzio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF