Sei in: Home » Articoli

Ritrova il padre su Facebook ma diventa vittima di abusi e violenze

L'intervento degli assistenti sociali ha permesso alla ragazza di sfuggire al padre violento e di mettersi in salvo
stalking donne
La voglia di riallacciare i rapporti con il padre che si era allontanato dalla famiglia quando era bambina si trasformata in un calvario per una giovane ragazza inglese, vittima per mesi delle violenze del genitore. 

Secondo quanto riporta il giornale Metro, protagonisti del caso di cronaca sono una ragazza di Sheffield e suo padre, una persona violenta e con problemi di depressione e alcolismo. L'uomo aveva abbandonato la figlia da piccola e solo qualche anno fa i due avevano riallacciato i rapporti, grazie all'intermediazione di conoscenti in comune e a Facebook. 

La ragazzina, allora 13enne, era convinta di poter recuperare la loro relazione e di poter tornare ad avere un padre amorevole e presente. Al compimento dei suoi 18 anni aveva accettato la proposta del padre di trasferirsi da lui. 

Da qui ha avuto inizio un incubo durato sei mesi e fatto di violenze quotidiane, al quale la ragazza si sottratta solo ricorrendo all'aiuto dei servizi sociali. Proprio l'intervento degli assistenti sociali ha permesso alla ragazza di sfuggire al padre violento e di mettersi in salvo. Dopo la denuncia di stupro da parte della figlia, l'uomo qualche giorno fa stato condannato a sei anni di reclusione.
(15/12/2014 - G.C.)
Le pi lette:
» legale vietare l'accesso alle famiglie con bambini nei ristoranti?
» Addio compenso per l'avvocato poco accorto
» Condominio: acquirente obbligato in solido per cinque anni
» Decreto ingiuntivo: i requisiti per l'opposizione tardiva
» Pec: notifiche valide solo agli indirizzi risultanti da pubblici registri
In evidenza oggi
Basta bimbi dimenticati in auto, in arrivo il dispositivo d'allertaBasta bimbi dimenticati in auto, in arrivo il dispositivo d'allerta
Avvocati: la trappola mentale del 'non ho tempo' Avvocati: la trappola mentale del 'non ho tempo'
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF