CDM: varato il pacchetto di misure anticorruzione. Aumenti di pena fino a 10 anni e coinvolgimento patrimoniale degli eredi

Il consiglio dei ministri ha varato un nuovo pacchetto di norme per contrastare il dilagante fenomeno della corruzione.
furto ladro corruzione
Il consiglio dei ministri ha appena varato un nuovo pacchetto di norme per contrastare il dilagante fenomeno della corruzione. Nel corso della conferenza stampa che si è tenuta oggi a Palazzo Chigi il Presidente del Consiglio e il Ministro della Giustizia hanno illustrato in sintesi quelle che sono le principali misure.

La stretta del governo prevede innanzitutto un aumento delle pene: la massima passerà da 8 a 10 anni mentre la pena minima salirà da 4 a 6 anni.
Anche la prescrizione del reato si allungherà di due anni se interviene una condanna di primo grado e di un ulteriore anno una volta concluso il giudizio di secondo grado.
Naturalmente, assicura il premier, la norma non si applica al passato ma a partire da quando il DDL diventerà legge.

Ci sono poi misure di natura patrimoniale perché, afferma il premier, chi ha "rubato", deve restituire il maltolto, sino all'ultimo centesimo. La confisca sarà più semplice e le misure patrimoniali coinvolgeranno anche gli eredi.
Nel disegno di legge si ipotizzano anche misure sui beni confiscati analoghe a quelle attualmente applicate per le associazioni mafiose.
Insomma, colpire il denaro "è la cosa che fa più paura ai corrotti e ai corruttori" ha detto il ministro Orlando, "L'aggressione ai patrimoni, come per la lotta alla mafia, è la vera chiave di volta"
 
Per quanto riguarda il patteggiamento le nuove misure prevedono che l'applicazione della pena su richiesta delle parti "non potrà escludere la possibilità della pena detentiva".

e qui sotto il video Skytg24:

(12/12/2014 - N.R.)
Le più lette:
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
» Avvocati: albi online senza segreti
» Condominio: multe fino a 2.500 euro per chi non adegua i termosifoni
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Tribunale degli Animali: gli avvocati a difesa dei "pelosi" dopo il divorzio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF