Sei in: Home » Articoli

BANCHE e SCOPERTO DI CONTO - Tassi illegittimi - Caso UNICREDIT: €150 (un giorno di valuta!) per "apertura pratica veloce" - Trib. Macerata 11.3.13 Est. MERLETTI

Pur essendo stata abolita la commissione di massimo scoperto, le banche italiane continuano ad applicare tassi che rasentano l'usura, se, anche per un solo giorno
banca contocorrente estratto conto crisi

di Paolo M. Storani - Pur essendo stata abolita la commissione di massimo scoperto, le banche italiane continuano ad applicare tassi che rasentano l'usura, se, anche per un solo giorno, il correntista - magari per un errore interno della stessa filiale per un ordine impartito a voce dal cliente di travasare la valuta da un conto personale all'altro fiscale - va in rosso.

Il Banco Rosso di Venezia è una perla rara: si tratta del più antico banco dei pegni ebraico al mondo nato nel ghetto e William Shakespeare ne trasse spunto per l'opera "Il Mercante di Venezia"; l'espressione "andare in rosso" prende il nome proprio dal colore delle ricevute emesse dal banco veneziano, che è stato di recente riaperto al pubblico ed è visitabile nel Gheto Novo di Venezia, un luogo incantevole.

Il colore rosso prevale anche nel logo per UniCredit, con effetti di segno opposto: il cliente, dopo aver appreso che per un giorno di scoperto di conto su € 1.000,00 di... fido presunto, deve pagare € 150,00, s'infuria come un toro.

Bisognerebbe interrogare Mario Draghi sulla correttezza di tale pratica da parte di UniCredit e chiedersi se non concretizzi un'autentica pratica usuraria.

L'attuale Governatore della BCE, all'epoca Governatore della Banca d'Italia, si espresse nel modo che segue in occasione dell'assemblea ordinaria dei partecipanti del 31 maggio 2008: "Abbiamo già in passato richiamato l'attenzione sulla commissione di massimo scoperto, un istituto poco difendibile sul piano della trasparenza. Va sostituita, dove la natura del rapporto di credito lo richieda, con una commissione commisurata alla dimensione del fido accordato, come avviene in altri Paesi. Una simile innovazione richiede un complesso adattamento della prassi delle banche. Essa però dovrebbe essere avviata con decisione, proponendo il cambiamento ai nuovi clienti, anche per evitare il rischio che la questione sia risolta con gli strumenti operativi della legge".
Leggo sul portale Linkiesta un articolo di Antonio Vanuzzo del 15 marzo 2012 intitolato Il conto non rende ma se vai in rosso la banca ti stanga: "Nel caso di uno sconfinamento extrafido la commissione è 'applicata giornalmente ogni 1.000 euro - o frazione - di saldo oltre il limite del fido e solo per sconfinamenti superiori ai 50 euro giornalieri' ed 'è pari a 2,25 euro al giorno con un massimo di 150 euro trimestrali'. Le cifre sono identiche anche nel caso di uno sconfinamento in assenza di fido... Piazza Cordusio fa pagare appunto 2,25 euro al giorno. Costo: uno sconfinamento di 500 euro per 15 giorni... costa 33,75 euro (2,25 euro al giorno), più un tasso nominale annuo del 16,6% che va rapportato ai 15 giorni in questione. Quindi: 37,1 euro".

Premesso che i conti UniCredit non rendono pressoché nulla, anzi talvolta il correntista finisce con un saggio d'interessi addirittura negativo, v'è da domandarsi qual è il tasso di interesse passivo che applica la banca UniCredit al giorno, dal momento che chiede comunque € 150,00 a titolo di "apertura pratica veloce", clausola che nessuno sano di mente sottoscriverebbe mai ed ogni modifica unilaterale contrattuale non viene comunicata nelle forme di legge.

Ai sensi dell'art. 1346 c.c. un contratto per essere valido richiede che l'oggetto sia determinato o determinabile e la clausola potrebbe essere illegittima poiché priva di valida causa negoziale, dal momento che si tratta di un onere aggiuntivo agli interessi passivi che la banca già percepisce su quell'importo di cui il cliente sta, sciaguratamente, usufruendo.

Infine, trattandosi per la banca di un guadagno e non di un costo come si opina, la commissione di massimo scoperto andrebbe inserita nel computo del calcolo dell'usura.

Da ultimo, come sostiene il Tribunale di Macerata, Est. Pietro Merletti, magistrato distrettuale (figura di estrema utilità per sopperire alle assenze nelle piante organiche istituita con legge 13 febbraio 2001, n. 48), giudicante attualmente aidibito presso il Tribunale di Fermo, con la sentenza 11 marzo 2013, n. 334, che ha condannato proprio UniCredit, già Banca di Roma, "la conoscibilità del variare delle condizioni, con pubblicità effettuata attraverso gli estratti conto, si ritiene che, in difetto, di specificazione del perché di volta in volta venissero operate tali variazioni, le stesse non potessero legittimamente essere effettuate dalla Banca; ... ma non erano state preventivamente approvate per iscritto; e comunque con un tipo di pubblicità su cui non veniva sufficientemente attirata l'attenzione del correntista, il quale in caso di modifica sfavorevole ha sempre un periodo di tempo per disdire il proprio conto, o comunque non approvare tali modifiche se introdotte senza giustificazione o unilateralmente... ne deriva che la Banca dovrà restituire al correntista la somma indebitamente percetta pari ad euro 123.156,42, al correntista dovute per indebito superamento dei tassi soglia, indebita applicazione delle commissioni di massimo scoperto, ed indebita applicazione di spese che non sono state mai preventivamente approvate dal correntista...".

A proposito, nel caso, per una gita di relax dopo i vari abusi bancari che ogni giorno dobbiamo tollerare (ma perché mai, poi, dovremmo tollerare in silenzio?! Facciamo valere i nostri diritti contro tali soprusi all'apparenza legalizzati), desideriate visitare il Banco Rosso di Venezia, per prenotazioni e contatti il telefono è +39 041/740317 Cannaregio 2912, 30121 Venezia, info@bancorosso.org.

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(12/12/2014 - Law In Action - di P. Storani)
Le più lette:
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF