Sei in: Home » Articoli

Cassazione: si può dare del 'pazzo' a una persona se ci si trova in un contesto conflittuale

La natura offensiva di questo o quell'altro comportamento non è un dato fisso ma una variabile suscettibile di mutare a seconda del periodo storico e del contesto sociale considerati
uomo e donna che litigano
Il delitto di ingiuria (Art. 594 codice penale) è uno di quei reati destinati ad evolvere nel corso del tempo. La natura offensiva di questo o quell'altro comportamento non è infatti un dato fisso ma una variabile suscettibile di mutare a seconda del periodo storico e del contesto sociale considerati – almeno per quanto riguarda l'aspetto strettamente verbale. A questo proposito, la Giurisprudenza di Legittimità ha più volte avuto modo di derubricare l'ingiuriosità di parole volgari – come il cosiddetto 'vaffa' (cfr. sent. 35669/14) – sulla base della considerazione che ormai sono entrate nell'uso comune.

Il termine pazzo, invece, che di per sé non è ascrivibile alla cerchia dei turpiloqui propriamente detti, è però un appellativo poco lusinghiero e certamente capace di colpire in modo forte il decoro e l'onore del 'destinatario'
Ciononostante, non sempre vale una condanna penale! Lo afferma in questi giorni la Corte di Cassazione, V sez. pen., con sentenza n. 50969/14 depositata il 4 dicembre scorso, di fatto promuovendo la scusante della provocazione – che ricorre sovente nei procedimenti per ingiuria – ad elemento scriminante. In pratica, secondo gli Ermellini, stante fra i due soggetti coinvolti (la rea e la persona offesa – coniuge separato di un'amica della prima) una consuetudine di rapporti già alterati e compromessi – tali per cui le modalità comunicative ordinarie non si ispiravano certo alle regole della cortesia –, il fatto che l'una abbia appellato l'altro "pazzo" non può assurgere alla condotta criminosa di cui all'art. 594 c.p..

E non è la prima volta che la S.C si pronuncia su questa particolare voce del nostro vocabolario, visto che già in una sentenza del 2010, si era espressa positivamente addirittura sull'ammissibilità dell'epiteto da parte di un lavoratore nei confronti del proprio principale.

Vedi anche nelle guide legali: Il reato di ingiuria

Qui di seguito alcuni articoli e sentenze in cui la Corte si è occupata del reato di ingiuria:

Cassazione: Non bastano le parole per fare un ingiuria. Assolto uomo che ha dato dell'esaurita alla vicina - G.C. - 15/11/14 - La Corte di Cassazione pronunciandosi ancora una volta in tema di ingiuria, ricorda che per la configurabilità del reato occorre f...

Cassazione. Il 'vaffa' è ancora ingiuria. Va considerato il tono e il contesto in cui la parola è pronunciata - S.D. - 19/08/14 - Cassazione, VI sez. pen., sentenza n. 35669 del 13 agosto 2014 Complici forse il "vaffa-day" e le modalità espressive poco forbit...

Reato di ingiuria: la valenza offensiva dell'espressione va sempre contestualizzata
 - Marina Crisafi - 01/08/14 - Nel reato di ingiuria, al fine “di apprezzare l'esiguità dell'espressione è sempre necessario contestualizzarla, cioè rapportarl...


Non commette reato di ingiuria chi apostrofa un avvocato dandogli del ' fuori di testa'
 - Avv. Barbara Pirelli- 21/02/14 - Avv.Barbara Pirelli del Foro di Taranto; email: barbara.pirelli@gmail.com"Un avvocato è professionalmente al servizio della canagl... 

Reato di ingiuria apostrofare la suocera “vipera”. Ecco il testo della sentenza
 - Avv. Luisa Camboni - 16/02/14 - I Giudici di Piazza Cavour, con la Sentenza n. 5227 del 4 febbraio 2014, hanno statuito che non costituisce reato di ingiuria da...

(05/12/2014 - Mara M.)
Le più lette:
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Trasferimento di strumenti finanziari come ipotesi di donazione diretta ad esecuzione indiretta
» Pensioni: riscatto gratis laurea legato al merito
In evidenza oggi
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF