Sei in: Home » Articoli

Equitalia, in aumento le richieste di pagamento dilazionato fino 120 rate

Chi non riesce a pagare in un'unica soluzione si avvale della possibilità di richiedere a Equitalia di pagare a rate le somme eventualmente iscritte a ruolo
tasse povero crisi imu iva
Inutile negarlo: la crisi continua a pesare sugli italiani e lo dimostra anche il fatto che si è registrato un significativo aumento delle richieste di dilazione dei pagamenti nei confronti di Equitalia.

Solo quest'anno sembra che abbiano chiuso i battenti più di 1100 imprese e chi ancora resiste a questo vero e proprio tsunami finanziario cerca di far quadrare i conti quanto meno prendendo tempo con il fisco.

In un dossier pubblicato oggi dal Sole 24 Ore si parla di ben 4,2 miliardi di euro oggetto di rateizzazione decennale (che rappresenta poi il 15% delle domande di dilazione).

Insomma chi  non riesce a pagare in un'unica soluzione si avvale della possibilità di richiedere a Equitalia di pagare a rate le somme eventualmente iscritte a ruolo. Ma se il regime ordinario prevede una pagamento in 72 rate mensili, nei casi più gravi è possibile ottenere una rateizzazione in 120 rate mensili (in tal caso il debito andrebbe a estinguersi nell'arco di 10 anni). E l'aumento più preoccupante riguarda proprio le dilazioni più lunghe a cui peraltro non tutti possono accedere. È necessario infatti la presenza di alcune condizioni: per le persone fisiche e le ditte individuali, la maxi rateizzazione è possibile se l'importo della singola rata è superiore al 20% del reddito mensile; per le altre imprese la rateizzazione a lungo termine è possibile solo se la rata è superiore al 10% del valore della produzione mensile e se l'indice di liquidità che emerge dal bilancio è compreso tra 0,5 e 1.

Resta comunque alto anche il numero delle richieste di rateizzazione ordinaria (in 72 rate). In tal caso la presentazione della domanda è molto semplice: il contribuente non deve allegare documentazione comprovante la sua difficoltà economica se il suo debito non supera i 50.000 euro; se il debito è superiore dovrà mettere a disposizione dell'agenzia la documentazione comprovante il quadro economico finanziario che giustifica la richiesta.
(02/12/2014 - A.V.)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Il pignoramento del conto cointestato
» Il perfezionamento della notifica di un atto giudiziario consegnato a persona diversa dal destinatario
» Gli avvocati non crescono più
» Polizza furto auto: condannata la compagnia di assicurazioni che non dà la prova contraria
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF