Sei in: Home » Articoli

Sentenza del lavoro nulla se il dispositivo non viene letto nell'ultima udienza. Cassazione 25305/2014

Nulla, insanabilmente nulla! Tale è la sentenza che chiude il processo del lavoro o altra causa che segua il medesimo rito, se manca la lettura del dispositivo in udienza.
Un ancolo della facciata della corte di cassazoine

Nulla, insanabilmente nulla! Tale è la sentenza che chiude il processo del lavoro o altra causa che segua il medesimo rito, se manca la lettura del dispositivo in udienza. Così è stato stabilito – o piuttosto chiarito – dalla Suprema Corte, nella sentenza n. 25305 del 28 novembre 2014. 

Nei casi in cui oggetto della controversia trattata siano rapporti di lavoro e tutte quelle materie per cui il nostro codice prevede la stessa procedura (vedi contratti di locazione), il dispositivo della sentenza deve necessariamente essere letto dal giudice nell'udienza di discussione – l'ultima. Un “requisito formale” richiesto dal Legislatore per rispondere a quelle esigenze di concentrazione del giudizio e immutabilità della decisione che caratterizzano tali riti. 

In particolare, nel caso deciso in terzo grado dalla sentenza numero 25305, gli Ermellini hanno cassato con rinvio la sentenza di appello di un procedimento del lavoro per non essere intervenuta nel giorno stesso dell'udienza di discussione. Ironia della sorte, la sentenza annullata respingeva il ricorso perché tardivo! Una sorta di legge del contrappasso che per “questioni di forma”, annulla una sentenza che si pronuncia su… “questioni di forma”. Intanto, il giudizio di secondo grado dovrà celebrarsi di nuovo. Ovviamente, con poche – o nulle – speranze per il ricorrente!

(04/12/2014 - Mara M.)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF