Sei in: Home » Articoli

Diritti e doveri in internet. La normativa europea, le azioni in corso e le novità in discussione

Nel pdf qui sotto allegato un approfondimento sulla normativa europea e le novità in discussione.
computer internet telematico
di Roberto Paternico'. Secondo quanto si legge nella dichiarazione dei diritti in Internet (nel testo elaborato dall'apposita commissione costituita presso la camera dei deputati) "Internet ha contribuito in maniera decisiva a ridefinire lo spazio pubblico e privato, a strutturare i rapporti tra le persone e tra queste e le Istituzioni. Ha cancellato confini e ha costruito modalità nuove di produzione e utilizzazione della conoscenza. Ha ampliato le possibilità di intervento diretto delle persone nella sfera pubblica. Ha modificato l'organizzazione del lavoro. Ha consentito lo sviluppo di una società più aperta e libera. Internet deve essere considerata come una risorsa globale e che risponde al criterio della universalità".

L'Unione europea è oggi la regione del mondo dove è più elevata la tutela costituzionale dei dati personali, esplicitamente riconosciuta dall'articolo 8 della Carta dei diritti fondamentali.

Secondo l'art.16, paragrafo 1 del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea, ogni persona ha diritto alla protezione dei dati di carattere personale che la riguardano. Ed è compito e potere del Parlamento europeo e del Consiglio adottare norme relative alla protezione dei dati di carattere personale delle persone fisiche e quelle relative alla libera circolazione di tali dati. 

Saranno poi le Autorità indipendenti a vigilare sul rispetto delle norme. 

Sono tante le novità attualmente in discussione sui diritti e doveri in Internet. Si va dal diritto all'oblio, alla necessità di un consenso esplicito al trattamento dei dati dell'interessato, all'introduzione della figura obbligatoria del responsabile della protezione dei dati per il settore pubblico e per le grandi imprese.

Con la Carta dei diritti fondamentali, ogni persona ha diritto al rispetto della propria vita privata e familiare, del proprio domicilio e delle proprie comunicazioni ed alla protezione dei dati di carattere personale che la riguardano.
I dati devono essere trattati secondo il principio di lealtà, per determinate finalità ed in funzione  del consenso dell'interessato. 
Ogni persona ha il diritto di accedere ai dati raccolti che la riguardano e di ottenerne la rettifica. La sfera della riservatezza personale è protetta, anche, dalla Convenzione europea dei diritti dell'uomo (CEDU) stipulata dagli Stati membri del Consiglio d'Europa.

La Corte di giustizia europea é intervenuta sulla direttiva ed oggi sono in corso i lavori di rivisitazione della normativa che vede impegnati il Parlamento e la Commissione europea.

Nel pdf, qui sotto allegato, un approfondimento sulla normativa europea e le novità in discussione.

Dott.Roberto Paternico'
PER SAPERNE DI PIU', LEGGI QUI SOTTO IL PDF SFOGLIABILE COMPLETO ED ILLUSTRATO



SCARICA IL PDF COMPLETO ED ILLUSTRATO
Contenzioso Bancario
(02/12/2014 - Dott.Roberto Paternicò)
Le più lette:
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
In evidenza oggi
Multe stradali non notificate: ricorso entro 30 giorni dalla cartellaMulte stradali non notificate: ricorso entro 30 giorni dalla cartella
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF