Diritto Penale

90 giorni per proporre querela bastano e avanzano. Condanna scampata per la conduttrice Barbara D'Urso.

Il processo, il cui inizio era atteso per il 26 novembre scorso, non potrà avere luogo a causa della tardività dell'atto di impulso
Facciata del palazzo della cassazione

Occhialoni da diva e paparazzi da Dolce Vita qualche giorno fa lungo i corridoi del Tribunale di Trento, dove la show-girl Barbara D'Urso presenziava alla prima udienza del processo che la vedeva imputata per diffamazione a mezzo stampa. 

Il Dott. Tommaso Fabrizio, chirurgo plastico, aveva infatti presentato querela contro la popolare conduttrice per averlo accusato nel suo libro “Più forti di prima” di aver letteralmente rovinato a colpi di bisturi la signora Sharon Holdrick, ricorsa alle sue cure per migliorare il proprio aspetto fisico. Denunciato da quest'ultima, e passato attraverso tre gradi di giudizio, il medico è però risultato incolpevole dei danni subiti dalla donna, e così ha pensato bene di querelarla – insieme alla signora D'Urso –, per averlo diffamato. 

Ma il processo, il cui inizio era atteso per il 26 novembre scorso, non potrà avere luogo a causa della tardività dell'atto di impulso (presentato, cioè, oltre i canonici 90 giorni dal momento in cui il fatto è accaduto o è divenuto  noto al querelante). 

Ad ogni modo, entro i prossimi 60 giorni si conosceranno le motivazioni della sentenza di non luogo a procedere pronunciata dal giudice monocratico Giovanni De Donato, e pubblica accusa e parte civile potranno così valutare la possibilità di presentare ricorso (rispettivamente in sede penale e civile). 

(30/11/2014 - Mara M.)
Le più lette:
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Il 'bon ton' degli avvocati
» Guide di diritto penale
» Magistrati: i 5 peggiori vizi che rendono furibondi gli avvocati
» Pensioni: trovato l'accordo. Cosa cambia da gennaio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF