Sei in: Home » Articoli

Lo 'strano caso' del Tribunale di Trieste. Magistrati più efficienti o cittadini meno litigiosi?

In allegato gli elenchi pubblicati nel sito del ministero
bamboccioni sorpreso sorpresa stupore stupita ops incredibile
Quando si lamentano universalmente il bradipismo e i malfunzionamenti della amministrazione giudiziaria italiana, responsabili spesso di veri e propri casi di cattiva giustizia (vedi recente sentenza Eternit), arriva la classifica dei Tribunali più efficienti dello Stivale. 
Secondo i dati diffusi l'altro ieri dal Ministero della Giustizia, al secondo posto (su 139) della graduatoria si colloca il Tribunale di Trieste, con solo il 4,6% di carichi pendenti ultra-triennali su una media nazionale del 27,9 per cento! 

Il Tribunale del capoluogo friulano più "fresco di italianizzazione" segue immediatamente gli uffici di Lanciano, centro abruzzese di dimensioni più circoscritte, che vanta invece il 4% di processi ultratriennali conquistando il primo posto. 

E il brillante risultato ottenuto dalla città dalla "grazia scontrosa" - come Umberto Saba definiva la sua terra natale - più che a una questione di abbondanza di personale, sembrerebbe dovuto proprio ad una maggiore produttività e virtuosità dello stesso: il rapporto fra magistrati togati e abitanti è infatti pari a 1/9.034, occupando il 28° posto della classifica. O forse, bisogna pensare che i triestini sono persone più concilianti?...

Ecco gli elenchi pubblicati nel sito del ministero:

(28/11/2014 - Mara M.)
Le più lette:
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Trasferimento di strumenti finanziari come ipotesi di donazione diretta ad esecuzione indiretta
» Pensioni: riscatto gratis laurea legato al merito
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF