Sei in: Home » Articoli

Dipartimento dell'Organizzazione giudiziaria: 5,2 milioni di affari civili arretrati. Obiettivo smaltire 800mila cause

Uno dei mali che affligge la giustizia italiana è da sempre la lungaggine delle procedure e la mole incontenibile ed endemica di cause arretrate
Immagine di una bilancia simbolo della Giustizia
Uno dei mali che affligge la giustizia italiana è da sempre la lungaggine delle procedure e la mole incontenibile ed endemica di cause arretrate
Il Dipartimento dell'Organizzazione giudiziaria guidato da Mario Barbuto ha condotto così uno studio per comprendere le ragioni di questo male e per fornire un sostegno al percorso riformista intrapreso dal Governo. 

Il lavoro di analisi trova il suo punto di partenza nei 5,2 milioni di affari civili arretrati ed individua quale obiettivo prioritario lo smaltimento più di ottocentomila cause arretrate

Dai dati emerge che oltre il 70% delle pendenze civili è stato iscritto nell'ultimo triennio e un'anzianità di tre anni può essere considerata fisiologica per gli uffici di primo grado. 

Ciò che invece costituisce la patologia e relega la giustizia italiana in fondo alle classifiche sull'efficienza dei sistemi giudiziari a livello internazionale è il restante 30%, il vero e proprio arretrato in senso stretto

Il carico maggiore di arretrato si concentra in alcune sedi giudiziarie di grandi dimensioni, ma anche uffici di dimensioni più contenute non riescono a tenere il passo.

Il Dipartimento lancia un monito ed un consiglio agli uffici giudiziari e soprattutto ai loro responsabili: rispettivamente quello di concentrare meglio le risorse, tenendo presente l'obbligo di legge che impone loro l'obiettivo di smaltire l'arretrato e quello di lasciare crescere leggermente la durata degli affari più recenti se in questo modo si incide sulle giacenze.
(22/11/2014 - G.C.)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF