Sei in: Home » Articoli

Ricette in farmacia e nelle sale d'attesa. Il garante chiarisce: Non ci sono problemi se sono in busta chiusa

Il Garante, proprio per mettere fine a inutili allarmismi ha voluto spiegare che non ci sono problemi se si adottano determinati accorgimenti dettati dal buon senso
farmacista
Il Garante della Privacy, in una lettera diretta al Presidente della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale, ha voluto chiarire che le ricette mediche possono essere lasciate liberamente in farmacia o nelle sale d'attesa degli studi medici a patto che siano inserite in una busta chiusa

Il Garante, proprio per mettere fine a inutili allarmismi ha voluto spiegare che non ci sono problemi se si adottano determinati accorgimenti dettati dal buon senso

Ciò che va evitato è che si lascino ricette e certificati "alla portata di chiunque o persino incustodite, in vaschette poste sui banconi delle farmacie o sulle scrivanie degli studi medici".

In sostanza non c'è alcun bisogno di consegnare le ricette di persona ciò che conta è fare in modo di evitare che gli estranei possano venire a conoscenza  di dati sensibili come quelli sanitari.

È per questo che l'accorgimento della consegna in busta chiusa può risolvere ogni problema specialmente nel caso in cui a ritirare i documenti sia una persona delegata dal paziente.

Insomma con un pò di buon senso, non è difficile rispettare la riservatezza.

Il Garante ha voluto anche precisare che la propria attività ispettiva non è affatto finalizzata ad un accanimento nei confronti dei medici di base ma è diretta solo a tutelare la riservatezza dei pazienti nell'intero settore sanitario partendo dai rischi connessi alle grandi banche dati sanitarie, al fascicolo sanitario elettronico e alla telemedicina.

(21/11/2014 - N.R.)
Le più lette:
» Isee: i Caf sospendono il servizio dal 15 maggio
» Ogni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
» Carta d'identità elettronica: al via da oggi
» Il dictum della Cassazione: è reato mettere le corna in casa alla moglie!
» Condominio: multe fino a 2mila euro al mese all'amministratore che non comunica i nomi dei morosi
In evidenza oggi
Niente foto dei figli su Facebook: accordo dei genitori davanti al giudiceNiente foto dei figli su Facebook: accordo dei genitori davanti al giudice
Ogni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratisOgni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF