Sei in: Home » Articoli

Cassazione: tutti hanno diritto al risarcimento del danno per lesioni, non importa se residenti o meno in UE

clandestino straniero extracomunitario immigrato

di Licia AlbertazziCorte di Cassazione civile, sezione terza, sentenza n. 23432 del 4 Novembre 2014. E' legittimo negare il risarcimento del danno da sinistro stradale ai parenti del defunto non residenti in Italia? Secondo la Suprema corte assolutamente no: la decisione del giudice del merito, analizzata nel commento in oggetto, avrebbe infatti violato uno dei principi fondamentali della Costituzione (art. 2) nonché l'art. 16 delle preleggi (rubricato “trattamento dello straniero”, il quale prevede il c.d. “principio di reciprocità” secondo il quale lo straniero è ammesso a godere dei diritti civili e politici, in Italia, solo a patto che il suo Stato di origine preveda le stesse tutele nel suo ordinamento). La tutela dei diritti fondamentali – come, appunto, quello alla vita, alla salute e all'incolumità personale - “deve essere assicurata senza alcuna disparità di trattamento a tutte le persone, indipendentemente dalla cittadinanza italiana, comunitaria o meno”.


Per la Cassazione l'art. 16 delle preleggi, ancora vigente, deve essere interpretato alla luce dei principi che attualmente regolano l'intero ordinamento giuridico italiano, non in maniera restrittiva; in particolare in modo costituzionalmente orientato, data la presenza dell'art. 2 Costituzione che assicura la tutela integrale dei diritti c.d. inviolabili. Se la lesione dell'integrità fisica dello straniero, come nel caso di specie – dovuta a un investimento stradale – è avvenuta in Italia, allora il giudice italiano dovrà provvedere affinchè sia risarcito il danno spettante agli aventi causa, danno liquidato in patrimoniale e non. Soggetto chiamato a risarcire il danno potrà quindi essere sia la compagnia assicuratrice del mezzo incriminato che il fondo vittime della strada nei casi previsti dalla legge. Il ricorso è accolto e la sentenza cassata con rinvio.


Vai al testo della sentenza 23432/2014
(11/10/2014 - Avv.Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Il rifiuto di sottoporsi ad alcoltest può risultare non punibile
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Fermo amministrativo: la giurisdizione
» Obbligare la moglie a discutere è reato
In evidenza oggi
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF