Sei in: Home » Articoli

Per denunciare il partner violento chiama la polizia fingendo di ordinare una pizza

Per evitare che il compagno si insospettisse, ha telefonato al 911 fingendo di ordinare una pizza
violenza donne separazione divorzio lite litigano maltrattamenti
Una donna americana ha denunciato in maniera singolare un episodio di violenza domestica. Per evitare che il compagno si insospettisse, ha telefonato al 911 fingendo di ordinare una pizza

A raccontare l'episodio è stato l'operatore che era dall'altro capo del telefono e che ha diffuso online la trascrizione della telefonata. 

Dopo i primi momenti di smarrimento, l'operatore ha compreso la gravità della situazione e ha intuito che la richiesta d'aiuto era reale anche se la donna non poteva parlare liberamente. 

In uno scambio di battute serrato e sintetico, l'operatore è riuscito ad ottenere l'indirizzo della donna e a raccogliere qualche elemento per comprendere cosa fosse successo. 

Al termine della telefonata il poliziotto ha svolto una veloce verifica, notando che già in precedenza c'erano state denunce simili che provenivano dallo stesso indirizzo. 

Una volta entrati in casa gli agenti hanno potuto constatare che la donna autrice della telefonata aveva evidenti segni di percosse sul corpo, mentre il suo compagno era in stato di ebbrezza. 

Quello di ordinare una pizza alla polizia è risultato essere un intelligente escamotage della donna per denunciare il partner violento e permettere alla polizia di arrestarlo in flagrante.

Ecco la trascrizione della telefonata diffusa online:
Operatore: "911, da dove chiama?"
Donna: "123 Main St."
Operatore: "Ok, qual è l'emergenza? Cosa sta accadendo lì?"
Donna: "Vorrei ordinare una pizza"
Operatore: "Signora, lei ha chiamato il 911"
Donna: "Sì, lo so. La vorrei grande, metà con pepperoni (un tipo di salame, ndr) e metà con funghi e peperoni"
Operatore: "Ummm… Mi scusi, lei sa che ha telefonato al 911, giusto?"
Donna: "Sì. Mi sa dire fra quanto tempo arrivate?"
Operatore: "Ok, signora. Va tutto bene da lei? È in pericolo?"
Donna: "Si"
Operatore: "… E lei non può parlare perché c‘è qualcuno lì presente?"
Donna: "Sì, esatto. Sa dirmi quanto tempo ci vuole?"
Operatore: "Ho a disposizione un agente a circa un miglio dall'indirizzo che mi ha dato. Ci sono armi in casa sua?"
Donna: "No"
Operatore: "Può restare in linea al telefono con me?"
Donna: "No. Allora a fra poco, grazie"

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(27/10/2014 - N.R.)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Sesso in macchina: cosa si rischia oggi?
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF